ANZIANI: AL VIA PROGETTO COMUNE ROMA PER PREVENIRE CADUTE
ANZIANI: AL VIA PROGETTO COMUNE ROMA PER PREVENIRE CADUTE
STIMOLATORE MUSCOLARE PER 100 'OVER 65', FAVORISCE RIFLESSI PRONTI

Roma, 10 gen. (Adnkronos Salute) - Per ‘salvare’ gli anziani dalle cadute, di cui sono frequentemente vittime, uno stimolatore muscolare che aumenta la stabilit degli arti inferiori e previene fratture indesiderate. Il trattamento sperimentale, utilizzato gi in alcune universit italiane, ha convinto il Comune di Roma, in collaborazione con gli atenei romani La Sapienza e Cattolica e l’Universit di Perugia, ad avviare un progetto di prevenzione delle cadute accidentali che coinvolger circa 100 ospiti dei Centri anziani capitolini. Il progetto, al via il 30 gennaio, stato presentato oggi in Campidoglio.

“L’apparecchio utilizzato - ha spiegato Guido Maria Filippi, neurofisiologo della Cattolica - emette stimoli meccanici sulle zone maggiormente implicate nella postura, quali i quadricipiti e i glutei”. L’obiettivo la stimolazione nervosa dei muscoli. “Quando si cade - prosegue Filippi - non per una mancanza di forza muscolare, ma per una perdita di equilibrio e stabilit: una carenza dovuta alla mancanza di reattivit. Il CroSystem agisce quindi sulla stimolazione dei muscoli e migliora i riflessi del paziente in caso si trovi a fronteggiare una situazione di rischio”. La terapia prevede 3 sedute settimanali di 30 minuti ciascuna, per una durata 6-9 mesi. Il macchinario utilizzato in forma sperimentale gi da anni, “e i pazienti trattati con stimolazione sui quadricipiti - aggiunge il neurofisiologo - dopo 9 mesi hanno acquisito il 49% in pi di stabilit e il 65% in pi di potenza nelle gambe”.

Il trattamento potrebbe portare benefici “specialmente nel Lazio - ha affermato Pino Galeota, presidente della Commissione Diritti dei cittadini del Comune di Roma - dove c’ quasi 1 milione di over 65 e, di questi, oltre 370 mila cadono ogni anno. Nella sola citt di Roma - conclude - a rischio frattura ci sono 190 mila anziani su un totale di mezzo milione”.

(Sof/Adnkronos Salute)