FARMACI: DA BANCO VENDUTI IN OLTRE 1.000 CORNER ITALIANI 'FUORI FARMACIA'
FARMACI: DA BANCO VENDUTI IN OLTRE 1.000 CORNER ITALIANI 'FUORI FARMACIA'
CITTADINANZATTIVA, SCONTO MEDIO IN SUPERMERCATI E NEGOZI FRA 20% E 25%

Roma, 2 mag. (Adnkronos Salute) - Farmaci senza obbligo di ricetta venduti, nel nostro Paese, in oltre mille punti commerciali 'alternativi' alle farmacie: ipermercati, supermercati ma soprattutto esercizi di vicinato. Con un notevole vantaggio economico per i consumatori, cio uno sconto medio sui prezzi compreso fra il 20% e il 25%. A rendere noti i numeri del 'post-legge Bersani' in Italia sulla vendita dei medicinali Sop e Otc 'fuori canale', introdotta con il primo pacchetto di liberalizzazioni nel 2006, stato il vicesegretario generale di Cittadinanzattiva, Giustino Trincia, oggi a Roma nel corso della presentazione del progetto 'Pi concorrenza, pi diritti' organizzato da sei associazioni di consumatori (Assoutenti, Confconsumatori, Movimento consumatori, Movimento difesa del cittadino, Unione nazionale consumatori e appunto Cittadinanzattiva).

Il numero di esercizi con un 'corner' dedicato alla vendita dei farmaci da banco cresciuto, dunque, in questi ultimi quattro mesi. Al 31 dicembre 2006, secondo il ministero della Salute, erano infatti 600 i punti vendita: 507 gli esercizi di vicinato e 93 le strutture medie e grandi come gli ipermercati. Prima in classifica la Lombardia con 54 nuovi punti vendita, mentre Trentino e Valle d'Aosta ultimi con due soli esercizi. (segue)

(Bdc/Adnkronos Salute)