CARDIOLOGIA: MORTE IMPROVVISA UCCIDE UN ITALIANO OGNI 9 MINUTI
CARDIOLOGIA: MORTE IMPROVVISA UCCIDE UN ITALIANO OGNI 9 MINUTI
GLI ESPERTI, NECESSARI PIU' INVE

Roma, 19 mag. (Adnkronos Salute) - In Italia la morte cardiaca improvvisa porta via 57.000 vite ogni anno: 156 persone al giorno, una ogni 9 minuti. Con costi elevatissimi per le casse nazionali. Perdite che potrebbero essere contenute utilizzando di pi i defibrillatori impiantabili, dispositivi salvavita che entrano in funzione in caso di un’aritmia ventricolare, evento fatale ed improvviso, neutralizzandola con una scarica elettrica ed evitando cos l’arresto cardiaco. Lo ricordano gli esperti riuniti a Taormina per il Congresso Internazionale di Cardiologia Mediterranean Cardiology Meeting.

Per un’azienda ospedaliera impiantare un defibrillatore - si legge in una nota - rappresenta un costo non trascurabile che, oltretutto, le Regioni rimborsano in maniera diversa: alto il livello di rimborso in Lombardia, molto pi basso in Sicilia. Di fatto, quindi, nelle Regioni dove questo rimborso minimo l’intervento non garantito nonostante non manchino evidenze convincenti della sua efficacia. E cos in Italia, anche se sono 246.000, secondo le stime basate sulle recenti linee guida internazionali, le persone a rischio di morte cardiaca improvvisa, solo il 5,3% dei pazienti a rischio si sottopone ad un impianto. Nel 2006 infatti in Italia sono stati impiantati appena 13.000 defibrillatori. (segue)

(Com-Ram/Adnkronos Salute)