SALUTE: ITALIANI POPOLO DI 'PODOFILI', 3,5 MLN ATTRATTI DA PIEDI ALTRUI
economia
cronaca
spettacoli
sport
cultura
salute
lavoro
sostenibilità
internazionale
multimedia
regioni
immediapress
Segui Adnkronos

Sfoglia l'archivio Adnkronos


SALUTE: ITALIANI POPOLO DI 'PODOFILI', 3,5 MLN ATTRATTI DA PIEDI ALTRUI
INDAGINE SVELA NUOVO 'FETICISMO', QUANDO FANNO MALE LA COPPIA PUO' SCOPPIARE

Milano, 24 mag. (Adnkronos Salute) - Italiani un popolo di 'podofili': circa 3,5 milioni di persone non hanno paura di dichiarare di essere ossessionati dai piedi altrui. Nascoste dalle scarpe o valorizzate da sandali 'gioiello', inserite a tutti gli effetti fra gli oggetti del desiderio maschile, le estremità più amate dai feticisti sono ritenute dalle donne, a ragione, un'importante arma di seduzione e non sfuggono agli sguardi dei passanti. Tanto che il 45% degli italiani si dice incuriosito da un bel piede, arrivando addirittura a provarne invidia. A rivelarlo è un'indagine demoscopica realizzata per la multinazionale 'Johnson&Johnson' da Astra ricerche e illustrata oggi a Milano.

Più di mille interviste telefoniche a un campione di popolazione dai 18 ai 79 anni rappresentativo di 45 milioni di persone, hanno rivelato un'autentica passione degli italiani che investono tempo - circa 45 ore all'anno - e soldi nella cura delle estremità inferiori. Sono circa 12 milioni a credere nella loro seduttività. Igiene, salute e benessere sono le prime cose da guardare nei piedi altrui, per il 60% degli adulti. Una percentuale che sale all'85% se si tratta dei propri. A incidere sul giudizio non è soltanto la componente estetica che pure ricopre un ruolo importante - un piede 'alla moda' conta per il 46% degli intervistati - ma anche la salute. Per il 57% “avere male ai piedi è una delle piccole torture della vita”. Un disturbo fra i più comuni: il 78% dichiara infatti di avere o di aver avuto in passato problemi ai piedi. Calli-duroni-vesciche: il triangolo più temuto dagli italiani. Patologie che interessano quasi il 40% del campione. (segue)

(Lus/Adnkronos Salute)