SALUTE: 300 SALVACUORE NEI CENTRI SPORTIVI, PROGETTO A MILANO (2)
SALUTE: 300 SALVACUORE NEI CENTRI SPORTIVI, PROGETTO A MILANO (2)
85% MORTI IMPROVVISE IN CAMPO DERIVA DA MALATTIE CARDIACHE IGNORATE

(Adnkronos Salute) - L'abolizione del certificato di buona salute per l'idoneit alle attivit sportive non agonistiche - ricorda il Comune di Milano - rientra in una serie di misure di semplificazione previste dal decreto legge 112 del 25 giugno 2008, convertito in legge il 5 agosto 2008, che cataloga il documento medico tra gli "adempimenti meramente formali e non necessari alla tutela della salute". Ma troppo spesso, secondo l'assessore Landi di Chiavenna, si verificano episodi drammatici proprio per l'inosservanza dei dovuti controlli medici.

Landi convinto che "l'eliminazione del certificato di buona salute potrebbe portare a conseguenze gravi", specie "in considerazione del fatto che statisticamente oltre l'85% dei casi di morte improvvisa durante la pratica sportiva deriva da patologie cardiovascolari ignorate o trascurate". Malattie che "un'accurata visita medica, basata sulla storia clinica del paziente e sull'esame di un elettrocardiogramma a riposo, potrebbe invece rilevare", conclude. Al convegno milanese hanno partecipato anche il presidente del Comitato provinciale del Coni, Filippo Grassia; esperti di medicina dello sport e prevenzione dei rischi cardiovascolari; Diego Confalonieri, medaglia di bronzo nella scherma a squadre alle Olimpiadi di Pechino, e Alessio Tavecchio che ha gareggiato nelle finali di nuoto alle Paraolimpiadi per disabili nel 1996 e oggi presidente della Fondazione Alessio Tavecchio onlus, precisa il comunicato.

(Red-Opa/Adnkronos Salute)