CASO ENGLARO: FNOMCEO, MEDICI SI RICONOSCONO IN CODICE DEONTOLOGICO
CASO ENGLARO: FNOMCEO, MEDICI SI RICONOSCONO IN CODICE DEONTOLOGICO
BIANCO, APRIREMO AL NOSTRO INTERNO UNA RIFLESSIONE RIGOROSA

Roma, 10 feb. (Adnkronos Salute) - "In queste ore cos difficili, noi medici ribadiamo con forza che, nelle scelte di fine vita, ci riconosciamo nei principi sanciti nel nostro codice di deontologia. Principi che negano l'eutanasia, che respingono ogni forma di abbandono terapeutico e di accanimento terapeutico, riconoscendo altres forza e valore etico e civile alle volont consapevoli e informate del paziente comunque espresse e documentate". A sostenerlo il presidente della Fnomceo (Federazione nazionale ordine medici chirurghi e odontoiatri), Amedeo Bianco, che vuole innanzitutto esprimere "affetto e cordoglio per Eluana Englaro, per la sua famiglia e per tutti coloro che l'hanno amata".

"Nessuno pi di noi e meglio di noi - sottolinea in una nota Bianco - porta nella sua scienza e coscienza lo straordinario onere di tradurre, spesso in contesti difficilissimi, questi principi in una funzione di tutela della salute e della vita nei confronti di tutti, nel rispetto della dignit e libert della persona. Per questo, proprio oggi, anche per Eluana, ripetiamo a noi stessi, al legislatore, alle Istituzioni e ai cittadini che va rispettata l'autonomia e la responsabilit del medico cos come quelle del paziente". (segue)

(Com-Fed/Adnkronos Salute)