CASO ENGLARO: MAGGIORANZA E UDC, NUTRIZIONE NON PUO' ESSERE MAI NEGATA
CASO ENGLARO: MAGGIORANZA E UDC, NUTRIZIONE NON PUO' ESSERE MAI NEGATA
MOZIONE PDL-LEGA CON I CENTRISTI AL SENATO SU TESTAMENTO BIOLOGICO

Roma, 10 feb. (Adnkronos Salute) - "E' sempre pi urgente la discussione e l'approvazione di norme che garantiscano la certezza di cure idonee e di adeguata assistenza nella fase terminale dell'esistenza ovvero quando le condizioni personali non consentano di provvedere in maniera autonoma alle necessit vitali fondamentali, nella piena convinzione che nel nostro Paese nessuno debba pi morire di fame e di sete". E' quanto si legge nella premessa alla mozione presentata dalla maggioranza al Senato in merito ai principi ispiratori del Ddl sul testamento biologico, sul quale ieri si raggiunto un accordo per il rapido approdo in aula tra maggioranza e opposizione, in seguito all'interruzione dell'esame del Ddl sul caso Englaro dopo la notizia dell'avvenuta morte della donna.

La mozione, firmata anche dall'Udc, si conclude con l'impegno al governo "a garantire che in attesa dell'approvazione di una completa e organica disciplina legislativa in materia di fine vita, l'alimentazione e l'idratazione, in quanto forme di sostegno vitale e fisiologicamente finalizzate ad alleviare le sofferenze, non possono in alcun caso essere negate da chi assiste soggetti non in grado di provvedere a se stessi".

(Adnk/Adnkronos Salute)