SANITA' LAZIO: ASSOCIAZIONI PAZIENTI E CITTADINI, RIAPRIRE S.GIACOMO ROMA
SANITA' LAZIO: ASSOCIAZIONI PAZIENTI E CITTADINI, RIAPRIRE S.GIACOMO ROMA
IL DELEGATO PER IL SINDACO ALEMANNO, ALMENO DIVENTI STRUTTURA SANITARIA

Roma, 13 feb. (Adnkronos Salute) - Riaprire l'ospedale San Giacomo di Roma, chiuso lo scorso ottobre, ripensandolo almeno come struttura sanitaria capace di accogliere i tanti cittadini e turisti che, fino a qualche mese fa, accorrevano nel Pronto soccorso della storica struttura capitolina. Lo chiedono associazioni di pazienti, malati e operatori del San Giacomo, che oggi si sono dati appuntamento per esternare il loro malumore in seguito alla chiusura dell'ospedale. Dalla loro parte anche Fernando Aiuti, consigliere per la sanit del sindaco di Roma, Gianni Alemanno, e Pierfrancesco Dauri, delegato per il sindaco all'Asl Roma A.

"La chiusura dell'ospedale - secondo Dauri - dimostra la cattiva organizzazione della sanit romana". Inizialmente il presidente della Regione Lazio, Piero Marrazzo, aveva parlato di un progetto di riqualificazione dell'ospedale, che prevedeva una riapertura con servizi sanitari. "Invece - prosegue Dauri - le prime notizie parlano di un San Giacomo che verr riaperto con servizi sociali". Nei Pronto soccorso della Capitale intanto c' allarme rosso, con corridoi congestionati da un afflusso sempre pi elevato. "E tutto questo aumenter con il picco influenzale previsto per febbraio", avverte il delegato per il sindaco. Gli fa eco Aiuti: "Il San Giacomo stato chiuso - spiega - ma la struttura ancora nel cuore di tutti noi. E' stato folle chiudere un ospedale con cos tante eccellenze". (segue)

(Sof/Adnkronos Salute)