RICERCA: BRUTTI RICORDI SPAZZATI VIA CON UNA PILLOLA, IN GB E' POLEMICA
RICERCA: BRUTTI RICORDI SPAZZATI VIA CON UNA PILLOLA, IN GB E' POLEMICA
TEAM OLANDESE, BASTEREBBE UN FARMACO CONTRO PRESSIONE ALTA GIA' DISPONIBILE

Roma, 16 feb. (Adnkronos Salute) - Cancellare i brutti ricordi potrebbe non essere pi solo un sogno. E a spazzar via gli incubi del passato basterebbe una pillola gi sul mercato, il cui nuovo uso potrebbe essere pi vicino grazie a una ricerca olandese pubblicata su 'Nature Neuroscience'. L'equipe dell'universit di Amsterdam ha testato un farmaco antipertensivo gi disponibile - il betabloccante propranololo, un generico - su un gruppo di volontari colpiti da aracnofobia, la paura dei ragni, scoprendo che li aiuta a superare cattivi ricordi legati a questi insetti e a vincere il terrore.

La pillola potrebbe dunque 'guarire' le vittime di stress post-traumatico, che hanno vissuto tragedie come un lutto, uno stupro o un incidente. I cattivi ricordi rimangono in agguato a lungo, pronti a tornare a tormentare. Eppure la possibilit di cancellarli, un giorno, buttando gi una pillola ha gi infiammato la polemica. Alcuni esperti britannici, commentando i risultati dello studio, mettono in guardia dalle conseguenze psicologiche e sollevano non pochi dubbi etici: si cancellerebbe qualcosa che ci rende umani, privando quelli che assumono il farmaco della possibilit di imparare dai loro errori. "Rimuovere i ricordi che addolorano o terrorizzano - sottolinea Daniel Sokol, bioeticista al St George's, universit di Londra, sul 'Daily Mail' - non come togliere una verruca o un neo. Cambierebbe l'identit personale, poich siamo legati alle nostre memorie". Insomma, prendere un farmaco per cancellare ci che fa male "potrebbe avere benefici in alcuni casi - rileva l'esperto - ma dobbiamo riflettere sugli effetti che questo avrebbe sugli individui, la societ e sul senso profondo dell'essere umano". (segue)

(Mad/Adnkronos Salute)