STAMINALI: SIRCHIA, NO A MAMME 'VIP' CHE STOCCANO OMBELICALI ALL'ESTERO
STAMINALI: SIRCHIA, NO A MAMME 'VIP' CHE STOCCANO OMBELICALI ALL'ESTERO
L'EX MINISTRO, CONSERVAZIONE PER USO PRIVATO COSTA TANTO E OGGI NON SERVE

Milano, 18 feb. (Adnkronos Salute) - Da Federica Panicucci ad Ambra Angiolini, Federica Fontana, Justine Mattera e altre ancora. Sono sempre di pi le mamme 'vip' che al momento del parto scelgono di stoccare a caro prezzo in biobanche estere le cellule staminali del cordone ombelicale per un eventuale, futuro uso autologo: una sorta di 'assicurazione biologica' sulla vita del proprio beb, che in Italia prevista soltanto per i neonati che potrebbero aiutare fratellini o sorelline colpiti da malattie genetiche. Pur inconsapevolmente, queste madri note rischiano di diffondere un falso messaggio, e cio che la conservazione delle staminali ombelicali per 'uso privato' si fondi su evidenze scientifiche definite. "Non cos", dice l'ex ministro della Salute, Girolamo Sirchia, oggi a Milano durante il lancio di una campagna per la donazione di sangue cordonale a scopi solidaristici. Ossia per pazienti che necessitano di un trapianto salvavita contro patologie come ad esempio leucemie o linfomi.

"Trovo la conservazione autologa di staminali cordonali sia eticamente discutibile", spiega l'esperto di immunoematologia e trapianti. Soprattutto perch, mentre la classica conservazione cosiddetta allogenica solidaristica " gratuita", quella autologa "costa caro". Le banche commerciali straniere che offrono questo servizio "chiedono un pagamento iniziale di circa 1.000, 2 mila euro - riferisce Paolo Rebulla, direttore del Centro di medicina trasfusionale, terapia cellulare e criobiologia del Policlinico milanese, sede di una delle due 'Cord blood bank' lombarde (l'altra al Policlinico San Matteo di Pavia) - a cui vanno poi aggiunte quote annuali" anche superiori ai 100 euro, la stima. (segue)

(Opa/Adnkronos Salute)