SALUTE: PASSEGGERI PIU' VECCHI E VOLI PIU' LUNGHI, BOOM DI DISTURBI DA AEREO
SALUTE: PASSEGGERI PIU' VECCHI E VOLI PIU' LUNGHI, BOOM DI DISTURBI DA AEREO
PIU' RISCHI PER CHI VIAGGIA IN BUSINESS, PIU' COMODO SI MUOVE MENO

Roma, 19 feb. (Adnkronos Salute) - Un bel volo di 15 ore non si nega ormai nemmeno al bisnonno di 90 anni. Quello che solo qualche anno fa era un tab, oggi la routine. Non senza rischi, per, dato che i disturbi da aereo sono in sensibile aumento. D'altronde, i voli sono sempre pi lunghi e i passeggeri sempre pi 'attempati'. Lo sottolinea una ricerca americana pubblicata sulla rivista 'The Lancet'.

Dai trombi venosi alle pandemie influenzali - evidenziano gli esperti del Lahey Clinic Medical Center - sia i viaggiatori che le autorit sanitarie dovrebbero fare pi attenzione ai malori che si rischiano in cielo. Una popolazione sempre pi vecchia significa infatti che i clienti delle compagnie aeree salgono a bordo con problemi di salute preesistenti, che una volta ad alta quota si possono trasformare in vere e proprie bombe a orologeria. Secondo gli studi disponibili, il 75% dei casi di trombi in volo dovuto alla mancanza di movimento, con i passeggeri della business pi a rischio di quelli della economy, costretti a sgranchirsi le gambe pi spesso dato il poco spazio a disposizione. Ma con gli aereomobili moderni come l'Airbus A380 o il Boeing 777-LR, i viaggi possono durare fino a 20 ore ininterrotte e il pericolo sale alle stelle. Se si aggiungono poi disturbi cardiovascolari gi in atto, il passeggero rischia ancora di pi. Con lunghe ore passate in un ambiente comune, infine, si sa che le malattie infettive si possono diffondere molto facilmente: gli esperti riportano casi di epidemie influenzali, di morbillo e di tubercolosi scatenatesi proprio su voli commerciali. Insomma, se non si in piena forma e si superata una certa et, meglio consultare il medico prima di una vacanza alle Hawaii.

(Bdc/Adnkronos Salute)