lazio: cattolica roma, incontro su radioterapia palliativa e rete del sollievo
lazio: cattolica roma, incontro su radioterapia palliativa e rete del sollievo
promosso al gemelli da 3 gruppi regionali dell'airo

Roma, 28 set. (Adnkronos Salute) - Rendere le cure palliative un diritto per tutti sul territorio nazionale. il principio ispiratore della proposta di legge approvata la scorsa settimana all'unanimit dalla Camera dei deputati, per garantire l'accesso alle cure palliative e alle terapie del dolore. Obiettivo delle nuove norme, attese ora al Senato per il via libera definitivo, creare una rete di hospice e strutture, partendo da quelle gi esistenti nelle singole realt territoriali, per mettere a punto le terapie. Su questi temi si discuter durante un incontro promosso dal Gruppo Lazio, Abruzzo e Molise dell'Associazione italiana di radioterapia oncologica (Airo), sul tema 'Radioterapia palliativa e Rete del sollievo', in programma domani alle 17.30 al Policlinico Gemelli di Roma.

Nella proposta di legge - ricorda una nota dell'universit Cattolica di Roma - viene stabilito innanzitutto che le cure palliative e le terapie del dolore sono obiettivo prioritario del Piano sanitario nazionale e che, con il concorso delle singole Regioni, va costituita una rete omogenea per garantire l'accesso a queste cure finalizzate al controllo dei sintomi, primo fra tutti il dolore 'inutile'. "La sfida dei nostri tempi per la medicina tutta e in particolare per la radioterapia oncologica - sostiene Numa Cellini, ordinario di radioterapia all'ateneo capitolino - sta nel cogliere i segni dei tempi che ci sollecitano verso una integrazione fra la sempre pi presente realt degli hospice oncologici e l'uso della radioterapia palliativa, che non alternativa, ma sinergica rispetto ai farmaci antidolorifici. Essa non deve pi essere negata, troppo spesso solo per ragioni organizzative, a quei malati che non hanno possibilit di guarire, ma che come gli altri hanno il diritto a essere sollevati da una inutile sofferenza".

Durante il meeting saranno presentati brevi filmati sul tema delle reti telematiche, oggi di particolare attualit in medicina, e su un modello di assistenza che, grazie a queste nuove risorse tecnologiche, pu facilitare il raggiungimento di questo obiettivo. "Siamo convinti - dichiara Vincenzo Valentini, direttore dell'Unit operativa di radioterapia 1 del Policlinico Gemelli e neopresidente della Societ europea di radioterapia oncologica (Estro) - che questa tecnologia faciliter un'assistenza pi umana ed efficace. La mia azione nel corso del mio mandato all'Estro - conclude - sar proprio dedicata alla diffusione del modello della 'Rete del sollievo' nei 35 Paesi che compongono la nostra societ scientifica".

(Com-Sof/Adnkronos Salute)