febbre suina: torna a parma ricoverato monza, sogna pizza e una dormita
febbre suina: torna a parma ricoverato monza, sogna pizza e una dormita
e' guarito ma seguira' periodo riabilitazione nella citta' emiliana

Monza, 13 ott. (Adnkronos Salute) - Una lunga dormita e una bella pizza. E' il sogno di Fabio Ferri, il ragazzo di Parma ricoverato dal 25 agosto all'ospedale S.Gerardo di Monza per il primo caso grave di nuova influenza A in Italia. A parlare per il 24enne, oggi in conferenza stampa nell'azienda ospedaliera brianzola, mamma Ilaria. Schiva con i giornalisti, si concede per pochi secondi alle telecamere e spiega: "Tra mezz'oretta ce ne andiamo tutti a casa. Fabio gi pronto e vestito. Siamo felicissimi".

Ma fuori microfono la signora si lascia andare a qualche confidenza in pi: "Il primo desiderio di Fabio? Una bella dormita, una buona pizza. Con il cibo di ospedale aveva smesso gi da un po' - confessa - Io stessa avevo cominciato a portargli cappelletti e tortelli", piccoli 'vizi' gastronomici dalla sua terra. Tutti schierati i medici dell'equipe che in questi mesi si sono presi cura di Fabio, che per 15 giorni circa stato assistito dalla macchina 'salva-polmoni' Ecmo e che da pi di 10 giorni uscito dalla Rianimazione. Il giovane ha lottato a lungo sospeso tra la vita e la morte. "Quando arrivato aveva cinque organi che non funzionavano", ricorda Roberto Fumagalli, direttore dell'Unit operativa di anestesia e rianimazione del S.Gerardo. "In questi casi le probabilit di morte sono alte, ma il paziente ce l'ha fatta ed un successo di tutto l'ospedale", tiene a precisare anche il direttore generale Giuseppe Spata.

Fabio ha gi iniziato la riabilitazione, e la concluder al day hospital dell'Unit di riabilitazione motoria dell'azienda ospedaliera di Parma. "Gli basteranno 10-15 giorni - calcola Alberto Pesci, direttore della clinica pneumologica dell'ospedale monzese - pienamente autonomo, deve solo risolvere una lieve atrofia muscolare legata al lungo periodo a letto. Tra due-tre settimane potr iniziare un'attivit lavorativa leggera, e tra un mese, massimo un mese e mezzo, potr tornare anche a un'attivit fisica completa".

(Opa/Adnkronos Salute)