salute: il pediatra, 3,5 mln di bambini italiani con la tosse
salute: il pediatra, 3,5 mln di bambini italiani con la tosse
colpa di virus parainfluenzali tipici di questo mese

Roma, 15 ott. (Adnkronos Salute) - Colpi di tosse, spesso accompagnati da starnuti e raffreddore, affliggono in questi giorni circa 3,5 milioni di bambini e adolescenti italiani. La stima del pediatra di Milano, Italo Farnetani, che sottolinea come "a ottobre la diffusione dei virus parainfluenzali responsabili della tosse segni spesso un picco". Notti insonni e poca voglia di mangiare spesso accompagnano i colpi di tosse, e la colpa "di alcuni virus che di fatto sono i cugini poveri dell'influenza - dice il pediatra all'ADNKRONOS SALUTE - Patogeni che in questo mese sono diffusi insieme al virus respiratorio sinciziale, che provoca la bronchiolite nel bambino piccolo), al rinovirus del raffreddore e all'enterovirus che causa disturbi intestinali".

"Cos non raro che bambini e ragazzi in questi giorni facciano i conti con tosse, raffreddore, mal di gola tipici della stagione", prosegue. Cosa fare per alleviare i disturbi e aiutare i piccoli pazienti a dormire meglio? "Nei pi piccini la tosse pu essere una reazione al fatto che le secrezioni nasali si accumulano nella parte posteriore della gola. Dunque prima di metterli a letto bene liberare le narici dal muco - conclude Farnetani - e farli dormire sollevando la testa e il busto", magari con un cuscino sotto il materasso. Se tosse e raffreddore durano pi di 10 giorni si pu pensare alla sinusite, avverte il pediatra, e dunque bene fare un controllo dal pediatra.

In generale, inoltre, bene consultare il medico del bambino per capire se ricorrere a un decongestionante nasale. E' utile seguire sempre semplici regole di igiene domestica: "Aprire le finestre e aerare le stanze almeno 45 minuti al giorno e sempre prima di dormire, evitare l'uso di creme, oli e creme balsamiche, che possono provocare broncospasmo - avverte Farnetani - infine suggerisco di far bere al piccolo paziente una bevanda calda, o anche dell'acqua prima di andare a letto, per un effetto mucolitico naturale". Se il bambino ha la tosse da pi di tre giorni, non dorme o non mangia, bene farlo visitare dal pediatra, raccomanda lo specialista. "Circa 400mila piccoli insieme alla tosse hanno anche la febbre. Se supera i 38 gradi - ricorda - bene utilizzare il paracetamolo".

(Mal/Adnkronos Salute)