farmaci: artrite reumatoide, molecola roche blocca distruzione articolazioni
farmaci: artrite reumatoide, molecola roche blocca distruzione articolazioni

Monza, 19 ott. (Adnkronos Salute) - Risultati promettenti dello studio Lithe nell'artrite reumatoide. Con una terapia a lungo termine i pazienti trattati con tocilizumab (Roche) abbinato al metotrexato (MTX) hanno subito l'81% in meno di danni strutturali alle articolazioni rispetto a quelli cui stato somministrato solo il MTX, attuale terapia standard. "Per i pazienti - rileva Roche in una nota - ci rappresenta una significativa riduzione dei danni alle articolazioni e la possibilit di continuare a vivere senza il deterioramento progressivo generalmente associato alla malattia".

Inoltre i risultati di due studi estensivi a lungo termine dimostrano che la percentuale di pazienti trattati con tocilizumab che ottengono la remissione della malattia aumentata stabilmente nell’arco di 3 anni, dal 27% a 24 settimane al 62% a 180 settimane (3,4 anni). "Questi dati confermano che il tocilizumab molto efficace nell'inibire i danni alle articolazioni caratteristici dell’artrite reumatoide", afferma Josef Smolen dell'Universit di Vienna. "Questo straordinario effetto sulle articolazioni, insieme alla capacit precedentemente osservata di tocilizumab di ridurre positivamente i segni e i sintomi dell’artrite reumatoide, gli assicura un ruolo importante nella pratica clinica. Una soddisfacente remissione con tocilizumab pu contribuire a restituire al paziente un senso di libert, senza dolorosi episodi infiammatori o timori di invalidit a lungo termine".

Il profilo di sicurezza a lungo termine della molecola documentato da studi su quasi 4.000 pazienti. L’analisi del programma di Fase III (comprendente cinque studi cardine e due studi di estensione a lungo termine) "mostra che gli effetti indesiderati e quelli gravemente indesiderati sono rimasti stabili in periodi di tempo prolungati".

(Red-Mal/Adnkronos Salute)