Caso Englaro: 17 anni e 31 giorni al buio, le tappe della vicenda/scheda
Caso Englaro: 17 anni e 31 giorni al buio, le tappe della vicenda/scheda
Eluana e' morta la sera del 9 febbraio 2009

Roma, 3 feb. (Adnkronos Salute) - Al buio per 17 anni e 31 giorni. Tanto durato lo stato vegetativo di Eluana Englaro, protagonista silenziosa di una vicenda che esattamente un anno fa scosse l'Italia. Eluana si spense la sera del 9 febbraio alle ore 20.10, a una settimana dal ricovero nella casa di cura 'La Quiete' di Udine, dove era stata trasferita per l'avvio del processo di sospensione dell'alimentazione e dell'idratazione artificiali che la tenevano in vita.

"Non voglio dire niente, ora voglio solo stare solo", tagli corto Beppino Englaro, il pap della giovane donna, profondamente scosso dalla notizia del decesso. Intanto al Senato, dove era in corso una 'maratona' per dare il via libera al cosiddetto ddl 'Salva-Eluana', dopo un minuto di silenzio fatto osservare dal presidente di Palazzo Madama, Renato Schifani, scoppiava una rissa verbale tra i senatori in Aula.

Eluana era nata il 25 novembre del 1970, mentre l'incidente stradale che la costrinse a letto per ben 6.236 giorni avvenne la notte del 18 gennaio '92, al ritorno da una festa a Pescate, paese alle porte di Lecco. I familiari della donna, allora 22enne, appena resisi conto della situazione disperata in cui versava Eluana, chiesero subito ai medici la sospensione dei trattamenti che le consentivano di restare in vita. Beppino Englaro decise di intraprendere la via giudiziaria per mettere fine allo stato vegetativo della figlia a partire dal '99, portando a sostegno della sua battaglia una serie di testimonianze che mostravano le volont e le convinzioni della figlia e l'inconciliabilit di queste con lo stato in cui la donna, definita dal padre un "purosangue della libert", si trovava ormai da anni. (segue)

(Ile/Adnkronos Salute)