Caso Englaro: presidente 'La Quiete' Udine, rifarei tutto (2)
Caso Englaro: presidente 'La Quiete' Udine, rifarei tutto (2)

(Adnkronos Salute) - Malgrado le accese polemiche, anche e soprattutto politiche, non sembra esserci per stata nessuna 'ritorsione' nei confronti della clinica. "Assolutamente", assicura la Domenicali. "E' vero che in quei giorni ci sono state diverse ispezioni, sia da parte degli ispettori inviati da Roma che dei Nas, ma, una volta che la vicenda ha avuto il suo epilogo, devo dire che la cosa si fermata. Insomma, per la clinica non c' stato nessun contraccolpo".

In quei giorni, uno dei primi obiettivi della presidente Domenicali era proprio salvaguardare la clinica: i pazienti e il personale che ci lavorava. "Nessun nostro operatore stato coinvolto nella vicenda - afferma - Il protocollo di sospensione dell'alimentazione e dell'idratazione, e l'assistenza alla Englaro erano state infatti affidate all'Associazione 'Per Eluana' e alla sua equipe medica".

Giorni difficili ma che, a distanza di un anno, fanno tornare alla mente anche ricordi pi dolci. "Oltre agli insulti e agli attacchi - conclude la Domenicali - non posso dimenticare i tanti attestati di solidariet ricevuti. Moltissime lettere che conservo nel cuore. E anche qualche telefonata affettuosa, come quella ricevuta dal senatore Carlo Pegorer".

(Fed/Adnkronos Salute)