Sanita': trattativa contratto medici va avanti ma non mancano 'spine' (2)
Sanita': trattativa contratto medici va avanti ma non mancano 'spine' (2)

(Adnkronos Salute) - ASPETTI NORMATIVI - Soddisfazione da parte dell'Anaao, in materia di precariato. "Si preso atto - riferisce il principale sindacato della dirigenza medica - dell'affermazione positiva riguardante il precariato che viene inserito tra gli argomenti da trattare dal tavolo di coordinamento regionale. Netta contrariet viceversa emersa da parte di tutte le sigle sindacali riguardo ai cosiddetti 'chiarimenti' sull'orario di lavoro, che in realt rappresentano una interpretazione peggiorativa delle norme in vigore, tendendo a giustificare con il salario di risultato qualunque superamento dell'orario di lavoro". Sono state inoltre affrontate varie tematiche relative a: ferie radiologiche, anzianit convenzionale dei medici transitati alla dipendenza dalla medicina convenzionata, caratteristiche delle strutture semplici dipartimentali e di unit operativa, che pur nell'ambito di un unico livello vedano riconosciute le diverse tipologie professionali. E' stata inoltre ribadita la necessit di dare pari dignit nella progressione di carriera sia alle competenze professionali che a quelle gestionali.

ASSICURAZIONI - "Nonostante l'unanime riconoscimento del valore del lavoro svolto dalla Commissione Aran-Regioni-sindacati per le assicurazioni, l'Agenzia - spiega l'Anaao Assomed - ha espresso l'intenzione di riportare questo elaborato solo in minima parte e in modo del tutto insoddisfacente nel testo contrattuale". In materia, stata comunque convocata un'ulteriore riunione del tavolo tecnico, fissata per lunedi 8 febbraio.

ASPETTI ECONOMICI - L'esigenza prioritaria, proposta dall'Anaao e fatta propria da tutte le organizzazioni sindacali, di pervenire alla rivalutazione dell'indennit di esclusivit di rapporto e al suo inserimento nella massa salariale stata ben compresa da Aran e Regioni. "Questo obiettivo - sottolinea l'Anaao Assomed - pregiudiziale per la conclusione della trattativa". E' stata inoltre ribadita la disponibilit di ulteriori risorse aggiuntive finanziate dalle Regioni pari allo 0,8%. L'esigibilit di queste ulteriori risorse e la loro ripartizione tra le voci variabili della retribuzione (risultato, disagio e straordinario) sar decisa nel tavolo di coordinamento di ogni singola Regione. Infine si riaffermata da parte di tutte le sigle sindacali la necessit di utilizzare la maggior parte del 3,2% degli aumenti contrattuali per valorizzare le voci stipendiali fisse.

(Fed/Adnkronos Salute)