Salute: 6 mln di italiani diabetici, ma 1 mln non lo sa
Salute: 6 mln di italiani diabetici, ma 1 mln non lo sa
Serve alleanza tra medici, politici e pazienti per cure piu' efficaci e rapide

Roma, 23 feb. (Adnkronos Salute) - Una 'pandemia' che, secondo le ultime stime, colpisce circa 6 milioni di italiani, con un milione di malati ancora ignora la propria condizione. Dopo i 40 anni un connazionale su tre infatti a rischio diabete, malattia che all'inizio non d disturbi o dolori, ma danneggia in modo subdolo e irreparabile l'organismo. Per garantire in tutta la Penisola una diagnosi precoce e un trattamento aggressivo, fin dalle prime fasi della malattia, "serve un'azione sinergica tra medici, politici e pazienti", che sensibilizzi tutti sull'importanza di cure rapide ed efficaci, per garantire al maggior numero di diabetici il controllo glicemico e prevenire le conseguenze della malattia. Questo l'appello di esperti e politici intervenuti oggi a Roma all'incontro 'Fermare il diabete: una sfida per la sanit e le Istituzione', promosso dall'Osservatorio sanit e salute.

A preoccupare specialisti e istituzioni la situazione di chi oggi ignora la propria malattia, e i tempi lunghi spesso necessari per arrivare alla diagnosi. "In media - spiega all'ADNKRONOS SALUTE Pietro Folino Gallo, dirigente dell'ufficio coordinamento Osmed dell'Aifa - dall'insorgenza del diabete alla sua diagnosi e cura passano 5-6 anni: si tratta di una malattia subdola - ricorda - per cui il medico di famiglia ha il ruolo di prima sentinella sul territorio", sottolinea. "A ostacolare l'azione per migliorare il trattamento c' soprattutto la burocrazia asfissiante, che causa anche notevoli sprechi. Basti pensare che la spesa per le strisce reattive diagnostiche supera di un terzo quella per curare il diabete", dice Antonio Tomassini, presidente della XII Commissione permanente Igiene e sanit del Senato.

L'attenzione ai costi, insomma, a volte rischia di generare mostri. "Ci stato segnalato il caso di Asl che sostituiscono la terapia biotech dei pazienti con prodotti 'equivalenti', ma nel caso di questi farmaci rischioso modificare il trattamento", evidenzia Tomassini. Di "disparit di trattamento nelle Regioni e lacune abissali" parla Emanuela Baio Dossi, membro della Commissione parlamentare per l'Infanzia e "diabetica dall'et di 9 anni. Dobbiamo lavorare insieme per promuovere la ricerca sulle cause della malattia - invita la senatrice - e investire risorse pubbliche in questo settore". (segue)

(Mal/Adnkronos Salute)