Aborto: Finocchiaro, su Ru486 polverone post-elettorale ma conta la legge
Aborto: Finocchiaro, su Ru486 polverone post-elettorale ma conta la legge
Destra alimenta clima di intolleranza che preoccupa

Roma, 2 apr. (Adnkronos Salute) - "Ritengo francamente questo dibattito post elettorale sulla pillola Ru 486 un gran polverone di propaganda che ci si poteva risparmiare, l'ennesima cagnara senza senso sollevata dalla politica sulla pelle delle donne". Lo dice Anna Finocchiaro, presidente del gruppo Pd in Senato. "Fino a prova contraria - sottolinea - in Italia esiste una legge dello Stato che consente l'interruzione di gravidanza in determinate condizioni, tutela la salute psico-fisica della donna e la maternit consapevole, previene l'aborto ed di contrasto alle pratiche clandestine. Una legge che stata persino confermata da un referendum popolare e che nella sua lungimiranza prevede l'utilizzo di metodiche sempre meno invasive e meno dolorose per le donne", aggiunge.

"La pillola Ru486 stata autorizzata in Italia in questo quadro - continua Finocchiaro - dopo una lunga sperimentazione e in seguito alla sua adozione in molti Paesi europei, da decenni. Questi sono i semplici dati di fatto, come un dato di fatto che i presidenti di Regione, anche quelli appena eletti, hanno il preciso dovere di rispettare le leggi dello Stato, compresa la 194. Le battute infelici dei governatori leghisti e le dichiarazioni contra legem di esponenti della maggioranza e del governo sono dunque fuori luogo e sono destinate a non produrre effetti concreti", precisa.

"Certo - prosegue - sono la spia del clima di intolleranza che questa destra alimenta nel Paese, che davvero preoccupa. Torno a ribadire che le donne italiane e straniere del nostro Paese meritano pi rispetto e che se Pdl e Lega vogliono davvero occuparsi di sostegno alla maternit e alla famiglia sono i benvenuti e hanno solo l'imbarazzo della scelta, perch - conclude - il loro governo finora non ha fatto nulla. C' dunque molto da fare, risparmiandosi le chiacchiere".

(Adnk/Adnkronos Salute)