Disabili: Farina Coscioni, stop alle discriminazioni
Disabili: Farina Coscioni, stop alle discriminazioni
Deputata radicale presenta mozione a Camera dopo episodi Gardaland

Roma, 7 ott. (Adnkronos Salute) - Mozione della deputata radicale Maria Antonietta Farina Coscioni affinch il Governo si impegni "a fare cessare le situazioni di discriminazione" nei confronti dei diversamente abili. In vista della Giornata nazionale delle persone con sindrome di Down, organizzata per domenica dal CoorDown (Coordinamento nazionale associazioni delle persone con sindrome di Down), Farina Coscioni vuole "sensibilizzare l'opinione pubblica al fine di creare una nuova cultura che superi i pregiudizi e luoghi comuni che ancora accompagnano le persone con sindrome di Down".

"Oggi - scrive in una nota - sono numerose le persone con sindrome di Down inserite attivamente nella societ: persone che lavorano e che praticano, ad esempio, attivit sportive a livello agonistico; sia pur con minor consuetudine, esistono casi di persone con sindrome di Down che guidano la macchina, che si laureano, che vivono da soli o in coppia. Eppure c' ancora molto da lavorare verso una vera integrazione delle persone disabili nella societ. Basti pensare - prosegue - che a Gardaland, il grande parco di divertimenti italiano, esiste un regolamento che vieta l'accesso a numerose attrazioni alle persone con handicap intellettivo. Siccome nella maggior parte dei casi tale condizione non facilmente verificabile dagli addetti alle attrazioni, le uniche persone che vengono fermate sono quelle con la sindrome di Down, penalizzate dai loro tratti somatici caratteristici".

Per questo motivo, Farina Coscioni ha presentato alla Camera una mozione che "impegna il Governo a far cessare tempestivamente questa situazione palesemente discriminatoria e a presiedere un tavolo di confronto tra le realt interessate per addivenire alla stesura di regolamenti condivisi. Con l'occasione, - spiega la deputata radicale - il Governo dovr inoltre effettuare un monitoraggio sull'accessibilit dei parchi di divertimento nazionali da parte della clientela con disabilit".

(Adnk/Adnkronos Salute)