Disabili: Lombardia, sport e salute binomio vincente per i giovani
Disabili: Lombardia, sport e salute binomio vincente per i giovani
A Pieve Emanuele torneo di golf per non vedenti

Milano, 7 ott. (Adnkronos Salute) - Sport e salute binomio vincente contro il disagio giovanile, per favorire l'inserimento sociale dei ragazzi disabili. E' il messaggio lanciato dalla Regione Lombardia durante il convegno 'Sport, stili di vita e Disabilit', organizzato oggi a conclusione del primo Campionato internazionale di golf per non vedenti, che si svolto in questi giorni al Golf & Country Club di Tolcinasco a Pieve Emanuele. All'evento, promosso dal Pirellone, sono intervenuti tra gli altri gli assessori alla Sanit e allo Sport e giovani, Luciano Bresciani e Monica Rizzi, e la campionessa di sci Deborah Compagnoni, premiata dalla Regione con la 'Targa d'onore sport, salute e solidariet' per il suo impegno nell'Associazione Sciare per la vita Onlus.

"Il mondo sportivo dei ragazzi diversamente abili - ha sottolineato Rizzi - ormai convergente a quello dei coetanei normodotati. Convegni come questo sottolineano la volont della Regione di proseguire, anche nei fatti, con azioni concrete che dimostrano la vicinanza a questi ragazzi. I diversamente abili sono in grado di competere e 'giocarsela' anche con gli atleti normodotati. In passato questo mondo sportivo era nato per altri motivi, legati pi che altro alla riabilitazione psicofisica. Oggi abbiamo dei professionisti che si sfidano nelle Paraolimpiadi e competono con grandi risultati". Campioni come il sudafricano Pistorius, ha evidenziato l'assessore, dimostrano che "lo sport ha una funzione sociale. Praticandolo, i ragazzi hanno molteplici vantaggi non solo perch fa bene alla salute, ma anche perch attraverso lo sport imparano i valori fondamentali della vita".

Anche per Bresciani "lo sport salute e chi lo pratica inevitabilmente deve avere stili di vita sani. Con lo sport c' prevenzione e inclusione sociale, si possono educare i giovani ad avere uno scopo, prevenendo quindi fenomeni negativi quali il disagio e la solitudine. Il nostro un welfare impersonale, la nostra societ lascia il giovane solo - ha osservato l'assessore - Bisognerebbe quindi dargli calore e lo sport contribuisce a questo. Con il convegno di oggi si creata un'alleanza forte fra gli assessorati allo Sport e giovani, Sanit e Agricoltura: questi tre assessorati cominciano a lavorare insieme. In futuro il mio assessorato lavorer anche con quello all'Industria: la Sanit si sta quindi adoperando per realizzare diversi progetti multi-assessorili".

(Com-Opa/Adnkronos Salute)