Sanita': lezioni di primo soccorso obbligatorie a scuola, Ddl al Senato
Sanita': lezioni di primo soccorso obbligatorie a scuola, Ddl al Senato

Roma, 14 ott. (Adnkronos Salute) - Lezioni di primo soccorso a scuola per tutti. E’ stato presentato al Senato un disegno di legge che punta, con l'obbligatoriet dell'insegnamento nelle classi delle secondarie, a sensibilizzare gli studenti al primo soccorso e a fornire una preparazione adeguata ad affrontare situazioni di emergenza. Ma anche a far crescere la coscienza e la solidariet civile che si esprime nel soccorrere chi sta soffrendo o in pericolo di vita e ha bisogno di aiuto. Ne d notizia, in una nota, il senatore del Pdl Luigi D’Ambrosio Lettieri che, insieme al presidente della Commissione Igiene e Sanit, Antonio Tomassini, firmatario del Ddl.

"Il disegno di legge - spiega D’Ambrosio Lettieri - riprende il lungo lavoro condotto nel corso della campagna 'Una firma per la vita', partita a Taranto nel 2005, estesa poi a livello nazionale e culminata nel luglio 2008 nella raccolta di 93 mila firme a sostegno di un'iniziativa legislativa popolare. Il Ddl fa propri impianto e contenuti della proposta di iniziativa popolare, condividendone pienamente la finalit principale: quella di formare una cultura dell'emergenza come conoscenza, da parte di tutti i cittadini, delle tecniche elementari del primo soccorso. A partire dai ragazzi a scuola per innescare un processo virtuoso attraverso il successivo 'passaggio' delle conoscenze acquisite in famiglia".

Ogni anno almeno 60 mila cittadini muoiono per un arresto cardiaco, spesso senza alcun segno premonitore. Altri 23 mila cessano di vivere per un trauma inatteso che si verifica negli ambienti di vita e di lavoro e almeno 6 mila morti da trauma sono dovute a un incidente stradale e riguardano, in particolare, la fascia tra i venti ed i trent'anni di et. "La letteratura scientifica internazionale - prosegue il senatore - ha ampiamente dimostrato che, sia in caso di arresto cardiaco improvviso sia di un trauma, un intervento di primo soccorso tempestivo e adeguato pu contribuire, in modo statisticamente significativo e determinante, a salvare almeno il 30% delle persone colpite". In pratica significa che "delle 164 persone che ogni giorno muoiono improvvisamente nel nostro Paese a causa di un arresto cardiaco o problemi cardiovascolari, almeno 50 potrebbero essere salvate semplicemente intervenendo in tempo, con soccorsi appropriati".

(Ram/Adnkronos Salute)