Fumo: Landi (Milano), vietarlo in parchi e stadi, si' da 60% cittadini
Fumo: Landi (Milano), vietarlo in parchi e stadi, si' da 60% cittadini
L'assessore rilancia la sua proposta, favorevole a ordinanza 'antibionde'

Milano, 27 ott. (Adnkronos Salute) - Parchi e giardini pubblici 'no smoking' e sigarette bandite dagli stadi. Ma anche dai cortili di scuole e ospedali. L'assessore alla Salute del Comune di Milano, Giampaolo Landi di Chiavenna, continua la sua crociata antifumo. E lo fa rilanciando la proposta di garantire aree 'off limits' per le sigarette, dai giardini pubblici agli stadi. Anche a colpi di ordinanza.

"Chieder all'assessore allo Sport, Alan Rizzi, di valutare con me la possibilit di presentare un progetto per il divieto di fumo negli stadi - annuncia Landi, a margine della presentazione dei centri antifumo attivati in 5 farmacie comunali della citt - Scriver poi una lettera motivata al Provveditore agli studi di Milano per spiegare che opportuno che i direttori scolastici prestino attenzione al tema e, dove possibile, emettano una circolare che vieti di fumare nei cortili delle scuole".

Si potrebbe ipotizzare anche "un'ordinanza se le forze politiche che governano la citt e il sindaco fossero altrettanto disponibili. Quando l'ho proposto la prima volta - racconta - ho incontrato l'opposizione di molti colleghi, anche di centrodestra. Ma io sono convinto che sia giusto estendere i divieti antifumo. E i cittadini sono con me". A supporto della sua proposta, l'assessore cita i dati di una ricerca targata Istituto Mario Negri di Milano, condotta tra il 2009 e il 2010 su 6.234 italiani dai 15 anni in su. "Il 64,6% si detto favorevole al divieto nei parchi e il 68,5% dice s a quello negli stadi". (segue)

(Lus/Adnkronos Salute)