Salute: da impronte digitali a scanner retina, da Cnb parere su biometria
Salute: da impronte digitali a scanner retina, da Cnb parere su biometria
Vantaggi innegabili, ma servono nuove garanzie

Roma, 26 nov. (Adnkronos Salute) - Dallo scanner della retina alle impronte digitali, passando dalla forma del volto o della mano, retina, iride, timbro di voce. La 'biometria' la tecnica di identificazione di ogni essere umano attraverso la rilevazione, tramite sensori elettronici, di determinate caratteristiche fisiche e comportamentali che vengono riprodotte sotto forma di sequenze matematiche e possono essere conservate in banche dati. Il Comitato nazionale per la bioetica (Cnb) ha approvato stamani un parere su questa disciplina, che ha l'obiettivo di assicurare maggiore sicurezza (si pensi all'uso che ne viene fatto negli aeroporti), ma anche migliorare la qualit della nostra vita (ad esempio poggiando l'indice sul pc per essere identificati invece di digitare la password).

I sistemi biometrici "sono pi sicuri e pi facili da usare, avranno quindi un ruolo sempre maggiore nella nostra societ, per facilitare l’accesso e il godimento di servizi, per incrementare e semplificare le transazioni commerciali e finanziarie, per consentire una pi efficace tutela dell’ordine pubblico", spiega all'ADNKRONOS SALUTE Cinzia Caporale, che insieme a Salvatore Amato ha coordinato il gruppo di lavoro sulla questione.

Il Cnb, nel suo parere, ha sottolineato innanzitutto gli "innegabili vantaggi" della biometria, pur mettendo in luce i possibili rischi a cui si potrebbe andare incontro attraverso un uso distorto e incontrollato. Pericoli che necessitano di nuove garanzie per essere scongiurati. (segue)

(Ile/Adnkronos Salute)