Sanita' Marche: Istituto zooprofilattico, risorse esigue per accontentare tutti
Sanita' Marche: Istituto zooprofilattico, risorse esigue per accontentare tutti

Ancona, 26 nov. (Adnkronos Salute) - "L'unica possibile soluzione per interrompere lo stato di agitazione deciso dall'assemblea del personale lo scorso 24 novembre, sulla mancata accoglienza della richiesta di integrare le risorse relative al Fondo per il pagamento delle fasce retributive a tutti i possibili aventi diritto a una fascia retributiva, quella che su disposizione regionale si stornino i fondi dal salario di risultato (incentivazioni) a quello per le fasce senza il quale l'azienda non potr assecondare tale richiesta". A farlo presente il direttore generale dell'Istituto sperimentale zooprofilattico Umbria Marche (Izsum), Silvano Severini, considerando l'esiguit del fondo residuo e il divieto degli ultimi contratti collettivi nazionali di lavoro e della legislazione nazionale.

Peraltro - si legge in una nota - la proposta di bando relativa alle fasce da attribuire nel biennio 2009-2010 non cita la parzialit dei fondi se non quelli relativi al 2009. Infatti, l'accordo sottoscritto l'8 febbraio 2010 e ratificato il 22 febbraio 2010 con i sindacati, stato quello di distribuire i 53.095 euro dell'anno 2009 residuo del fondo specifico. Accordo, peraltro, sottoscritto sia dalle organizzazioni sindacali che dalla Rsu e che ha subito un dietrofront dall'assemblea del personale. La direzione - si sottolinea nel comunicato - ha semplicemente cercato di applicare la normativa in materia che stabilisce la distribuzione delle risorse in base a una selezione, che per il 2010 resta aperta a tutti i possibili aventi diritto. Per la parte del bando relativa al 2010 i fondi sono tutt'ora da definire, stante la possibilit della Conferenza dei servizi delle Regioni di disporre lo storno.

L'Izsum - ricorda la nota - in piena rivisitazione della riorganizzazione del personale. Le finalit e gli obiettivi attorno ai quali stata pensata la riorganizzazione, rappresentano una risposta ai mutamenti del panorama tecnico-scientifico nazionale e internazionale. Non solo. Le recenti riforme legislative in materia di trasparenza e merito saranno la base su cui sviluppare un nuovo sistema di concepire il lavoro, improntato alla valorizzazione e crescita delle professionalit nell'ottica di una moderna logica aziendale.

(Com-Sav/Adnkronos Salute)