Sanita' Lombardia: Galli (Lega), mio rifiuto a tangenti nulla di eccezionale
Sanita' Lombardia: Galli (Lega), mio rifiuto a tangenti nulla di eccezionale

Milano, 30 nov. (Adnkronos Salute) - "Non ho fatto nulla di eccezionale, ma solo una cosa normale che farebbe qualsiasi cittadino onesto di questo Paese che di cittadini onesti ne ha tanti". Cosi' il capogruppo della Lega Nord in Consiglio regionale lombardo, Stefano Galli, commenta il suo rifiuto a una tangente da 15 mila euro offertagli dal conte Alberto Uva (ex consulente dell'ex ministro Roberto Castelli), nell'ambito dell'appalto per la fornitura di un servizio tv negli ospedali della Lombardia. Servizio gi presente in 65 nosocomi in Veneto, Friuli e Piemonte.

"Forse - sottolinea Galli - credevano di trovare terreno fertile, uno disponibile, ma io con i soldi ho sempre avuto un rapporto forte, me li sudo e me li guadagno e in pi lo stipendio me lo danno i lombardi con le tasse che pagano ed a loro che devo rispondere. Credevano - spiega il capogruppo della Lega - che io potessi dire ad alcune persone di evitare la gara o cose del genere. Secondo me - conclude - la strada maestra quella della gara e vinca il migliore".

(Adnk/Adnkronos Salute)