Universita': presidi Medicina bocciano riforma Gelmini (3)
Universita': presidi Medicina bocciano riforma Gelmini (3)

(Adnkronos Salute) - "In questo modo - spiega Redler - si riesce a capire chi lavora e produce in modo corretto, e quali sono i corsi e le sedi valide". Dello stesso avviso il preside di Medicina dell'universit Federico II di Napoli: "Questi sono punti buoni della riforma, su questo non si discute. Anche se - sottolinea Persico - prima di valutare necessario mettere tutti i dipartimenti nelle condizioni di fare bene, senza tagli o altro".

Sul premiare il merito d'accordo anche il preside della Facolt di Medicina della Statale di Milano, Ferrario. "Che una parte del fondo di finanziamento ordinario sia legato ai risultati in materia di didattica e ricerca un aspetto positivo della riforma". E non l'unico. "Il Ddl - aggiunge Ferrario - in molte parti ben fatto. Il problema principale che non prevede una struttura intermedia autorevole che possa dialogare col Consiglio di amministrazione".

Il Cda, oltre a essere allargato anche a membri esterni, sar infatti investito di molti poteri. "Decide il reclutamento, la progressione delle carriere, il budget, l'apertura e la chiusura dei corsi", spiega Redler. "E - sottolinea - decide come e dove impiegare le risorse". "Con il rischio - precisa Persico - di trovare all'interno dei Cda persone introdotte l da poteri economici o politici". (segue)

(Fed/Adnkronos Salute)