Medicina: artrite reumatoide, ecografia dimezza rischi ricadute
Medicina: artrite reumatoide, ecografia dimezza rischi ricadute
Permettera' di sospendere con sicurezza le terapie

Roma, 21 dic. (Adnkronos Salute) - Basta un'ecografia per 'smascherare' l'artrite reumatoide, verificando se questa subdola malattia in procinto di dar luogo a una ricaduta: ricercatori italiani dell'universit Cattolica di Roma hanno scoperto che questo esame effettuato sulle articolazioni il modo migliore per capire se il paziente davvero in remissione e se pu sospendere l'uso di farmaci. Lo studio, che dimostra che nell'artrite reumatoide la diagnosi clinica di remissione, cio l'assenza di sintomi, non sufficiente per evitare ricadute, stato pubblicato su 'Annals of Rheumatic Diseases'.

L'artrite reumatoide una malattia infiammatoria cronica che colpisce in particolare le articolazioni, ma spesso coinvolge cute, occhi, polmoni, cuore e reni e peggiora progressivamente se non si interviene subito. Provoca dolore e gonfiore a mani, piedi, dita, ginocchia, gomiti e collo. Il processo infiammatorio causa l'erosione e la graduale distruzione della cartilagine e pu arrivare fino all'osso. La malattia causata da una risposta immunitaria anomala dell'organismo, che innesca un meccanismo di auto-distruzione dei tessuti articolari.

In Italia 180-240 mila persone soffrono di artrite reumatoide, delle quali, per, circa 4 su 6 non si curano adeguatamente perch non hanno ricevuto una diagnosi corretta. La nuova scoperta - informa una nota dell'ateneo capitolino - rappresenta una svolta perch la chiave per decidere quando si possono sospendere le terapie, senza correre il rischio di ricadute. La nuova tattica diagnostica stata messa a punto da Gianfranco Ferraccioli, ordinario di Reumatologia e responsabile dell'Unit operativa di Reumatologia della Cattolica. (segue)

(Com-Bdc/Adnkronos Salute)