Aborto: Sigo, 1 immigrata su 3 lo usa come contraccettivo
Aborto: Sigo, 1 immigrata su 3 lo usa come contraccettivo
La Societa' scientifica, prevenzione passi da seconde generazioni

Roma, 30 mar. (Adnkronos Salute) - Una donna immigrata su tre nel nostro Paese utilizza l'aborto come metodo contraccettivo. E' l'allarme lanciato oggi a Roma dalla Societ italiana di ginecologia e ostetricia (Sigo) nel corso del convegno 'Immigrate e contraccezione: diritti negati'.

Cresce dunque l'emergenza aborto tra le donne straniere che vivono in Italia: il 33% vi ha fatto ricorso almeno una volta. L'interruzione di gravidanza viene utilizzata dunque come metodo contraccettivo, al pari della pillola, conosciuta dal 90% delle immigrate, ma provata solo dalla met, o del preservativo, molto noto ma scarsamente utilizzato. I dati illustrati all'incontro provengono da una ricerca pilota condotta a Firenze dal Centro di riferimento regionale per la prevenzione e la cura delle complicazioni delle mutilazioni genitali femminili.

"Nel nostro Paese - ha affermato il presidente della Sigo, Nicola Surico - un terzo del totale delle interruzioni volontarie di gravidanza compiuto da appena il 3,5% della popolazione. Questa ricerca mostra che non manca tanto la conoscenza, quanto la possibilit di accedere agli strumenti e ai servizi disponibili". (segue)

(Bdc/Adnkronos Salute)