Ricerca: in squalo sostanza scudo contro virus che attaccano l'uomo
Ricerca: in squalo sostanza scudo contro virus che attaccano l'uomo

Roma, 20 set. (Adnkronos Salute) - Dagli squali una speranza per la salute umana. Proprio una sostanza chimica trovata nello Squalus acanthias, meglio noto come spinarolo, si rivelata un'arma potente e sicura contro i virus che attaccano l'uomo. La ricerca, pubblicata su 'Pnas', partita dalla potente l'immunit naturale dello squalo contro le infezioni virali.

E' noto che questo pesce produce un composto chiamato squalamina, che utilizza per combattere i batteri. Ora i test in laboratorio hanno rivelato che la squalamina anche un buon candidato antivirale, capace di uccidere un ampio spettro di virus umani e animali. Non solo: la squalamina sintetica gi stata somministrata a un gruppo di pazienti all'interno di studi clinici per fermare la crescita dei vasi sanguigni nei tumori, senza che abbia provocato effetti collaterali importanti. Considerato il profilo di sicurezza e la facilit di produzione di questa sostanza, le ultime ricerche mostrano ora che potrebbe essere testata come nuovo trattamento di malattie virali come la Dengue e la febbre gialla, ma anche l'epatite, spiegano gli scienziati della Georgetown University Medical Center di Washington (Usa).

Il loro lavoro, infatti, mostra che la squalamina interrompe le interazioni di membrana necessarie per la replicazione virale. Testata in coltura, la sostanza inibisce l'infezione delle cellule dei vasi sanguigni con il virus Dengue, e delle cellule di fegato con epatite B e D. Gli studi sugli animali hanno dimostrato inoltre che la squalamina blocca l'infezione controllata con febbre gialla, encefalite equina e citomegalovirus, e in alcuni casi gli animali contagiati sono guariti. (segue)

(Mal/Adnkronos Salute)