Ogm: Vas, scoperto mais contaminato in provincia di Roma
Ogm: Vas, scoperto mais contaminato in provincia di Roma
Autorizzato solo per uso alimentare, no a coesistenza coltivazioni

Roma, 21 set. (Adnkronos Salute) - Campi di mais contaminati con variet geneticamente modificate, di cui non autorizzata la coltivazione, sono stati scoperti dall'Arsial (Agenzia regionale per lo sviluppo e l'innovazione dell'agricoltura nel Lazio), che si occupa di vigilare e controllare ai fini del divieto di coltivazioni Ogm. A segnalarlo l'associazione Vas (Verdi ambiente e societ) in una nota.

"Quando tale scoperta sia stata fatta non chiaro - spiega la vicepresidente Simona Capogna - Dal comunicato ufficiale dell'Agenzia, datato 20 settembre 2011, non si evince il momento esatto dell'accertamento (si parla della chiusura della campagna di controllo 2011)". Tuttavia appare evidente che si tratta di sementi di variet di mais della casa produttrice Pioneer, autorizzate in Europa solo per impieghi alimentari, ma non per la coltivazione (ibrido DAS 1507 x NK 603, mais DAS 1507, mais NK 603, ibrido DAS 1507 x DAS 59122, mais DAS 1507 e mais DAS 59122). La loro presenza in campo doppiamente illegale, sostiene quindi l'associazione Vas, perch la Regione Lazio ha vietato espressamente la coltivazione di qualsiasi Ogm sul proprio territorio, se non a scopo di ricerca in ambienti chiusi e confinati (con la legge n.15 del 6 novembre 2006 novembre).

"E' questa un'ulteriore dimostrazione dell'impossibilit pratica a realizzare la coesistenza tra agricoltura convenzionale, biologica e transgenica. Le sementi utilizzate dagli ignari agricoltori, infatti, erano etichettate come esenti da Ogm dalla casa produttrice (la multinazionale Pioneer), e quindi dovevano fornire anche una garanzia rispetto a questa loro purezza", conclude Capogna. (segue)

(Adnk/Adnkronos Salute)