Animali: Frattini, inserire traffico cuccioli fra priorita' Europol
Animali: Frattini, inserire traffico cuccioli fra priorita' Europol
Azione coordinata in Italia puo' essere esempio a livello comunitario

Roma, 27 set. (Adnkronos Salute) - "Ora il momento di aprire una rete comunitaria: chiederemo che l'Europa e l'Europol inseriscano tra le loro priorit una rete di prevenzione del fenomeno del traffico di cuccioli, che purtroppo non viene da lontano, ma da Paesi europei, dalla famiglia alla quale noi tutti apparteniamo". Lo ha sottolineato il ministro degli Affari esteri Franco Frattini oggi a Roma nel corso della presentazione del manuale per i controlli nella movimentazione comunitaria di cani e gatti.

La legge 210/2010 di ratifica della Convenzione europea per la protezione degli animali da compagnia " un'ottima legge italiana - ha proseguito Frattini - che, con la collaborazione delle Forze di Polizia, delle ambasciate, dei veterinari e della Lav, sta ponendo un freno al traffico di cuccioli verso l'Italia, con grandissimi risultati: negli ultimi 12 mesi sono stati sequestrati circa 1.000 cuccioli, trasportati in condizioni indecenti solamente per un po' di profitto e questo per fortuna sta finendo. E' una tematica alla quale tengo particolarmente, perch un Paese che non rispetta gli animali un po' meno civile di quello che vorremmo". Frattini ha poi citato l'esempio negativo della "Romania, ma anche della Serbia e della Repubblica Moldova, dove gli animali sono vittime di violenze indicibili".

L'esempio italiano di rete fra le autorit, le ambasciate, i veterinari e le associazioni invece un esempio di Paese che "fa sistema. Ora c' bisogno di un passo avanti ulteriore, a livello comunitario. Lo dico anche come ex vicepresidente della Commissione europea: quest'ultima, con i due dipartimenti di Politiche per la salute e di Sicurezza, dovrebbe essere coinvolta con azioni di rete volte al contrasto del traffico di cuccioli e l'Europol dovrebbe porlo fra le sue priorit. Questo darebbe un fortissimo contributo alla tracciatura delle rotte di questo traffico, a partire dall'origine".

(Bdc/Adnkronos Salute)