Fumo: smettere con l'ipnosi, 8 su 10 ci riescono (2)
Fumo: smettere con l'ipnosi, 8 su 10 ci riescono (2)

(Adnkronos Salute) - Durante l'ipnosi, spiega l'esperto, "non si incoscienti, ma in uno stato paragonabile al dormiveglia. Si molto focalizzati su quello che viene detto. Con artifici e tecniche 'ad hoc', l'ipnosi riesce ad andare oltre la mente critica e a parlare con la mente sub-cosciente, la 'sede' delle fobie o di abitudini come il fumo: la si riprogramma e si inducono nuovi comportamenti".

Ecco, in sintesi, cosa avviene mandando il fumatore in trance. Negli Stati Uniti, o in Gran Bretagna, l'ipnosi un metodo molto usato per smettere di fumare, la letteratura scientifica in materia costruita sull'esperienza accumulata in questi Paesi, "dove l'ipnosi in generale molto presente anche nello spettacolo, a teatro o in tv, e il pubblico abituato, sa come funziona e non ne ha paura", afferma Rossani. Gli italiani, invece, sono ancora diffidenti: pochi sanno in cosa consiste questa tecnica per dire addio al fumo, a meno che non l'abbiano provata. In questo caso "il passaparola funziona e spinge chi magari ha gi provato di tutto senza successo, a ricorrere all'ipnosi per liberarsi delle sigarette", sostiene. Il risultato si ottiene con una o due sedute. "Si esegue una seduta base - prosegue il medico - pi una opzionale, a cui si sottopone chi vuole chiudere completamente con il vizio, eliminando quelle 2-3 sigarette al giorno che continua a fumare.

Nella prima seduta si dissuade il fumatore in due fasi: si crea uno scenario che d benessere e serenit, in cui il fumo fa la sua comparsa come un elemento negativo, ostile, per esempio un nuvolone o una tromba d'aria. E' la materializzazione di tutto il fumo entrato nei polmoni del tabagista, che viene spinto a liberarsene". Ma ancora non basta. "La seconda fase - spiega - consiste nella generazione di un falso ricordo: si simula un balzo in avanti di un anno, un lungo periodo in cui il soggetto non ha pi toccato una sigaretta. Questo anno viene vissuto come un ricordo reale, con tutti gli effetti positivi della cessazione da fumo, che vengono 'assaporati'. Si d dunque per scontato - nonostante siamo ancora in realt alla prima seduta e abbiamo di fronte un fumatore - che abbia gi smesso, associando questo ricordo a sensazioni positive". (segue)

(Mad/Adnkronos Salute)