Medicina: pacemaker italiano anti-Parkinson brevettato in Usa e Ue
Medicina: pacemaker italiano anti-Parkinson brevettato in Usa e Ue
Stimolatore cerebrale intelligente 'made in Milano' approda sul mercato americano

Milano, 1 dic. (Adnkronos Salute) - Sbarca Oltreoceano il pacemaker cerebrale made in Italy contro i sintomi del Parkinson. Lo stimolatore 'smart' nato dall'alleanza tra Fondazione Policlinico e universit degli Studi di Milano, messo a punto dallo spin-off Newronika, stato brevettato anche negli Usa e sar quindi in commercio negli States. Lo strumento, che ha gi ottenuto il brevetto europeo, formato da uno speciale stimolatore collegato a elettrodi. Questi vengono impiantati nel cervello, in strutture al di sotto della corteccia cerebrale, dove misurano l'attivit dei neuroni e permettono al pacemaker intelligente di adattare istante dopo istante la stimolazione alle esigenze del paziente.

Alla strategia - ricorda una nota congiunta di Policlinico e universit Statale di Milano - sta lavorando dal 2005 un team di ricercatori della Fondazione di via Sforza e dell'universit degli Studi, diretto da Alberto Priori. Per accompagnare lo sviluppo e la commercializzazione di questa tecnologia, nel 2008 stato costituito lo spin-off Newronika, con la partecipazione congiunta di Fondazione Irccs Ca' Granda ospedale Maggiore Policlinico e universit. E la conferma delle potenzialit della metodica e degli strumenti utilizzati arrivata dagli Uffici brevetti europeo e statunitense, che concedendo i relativi brevetti (European Pat. EP 1940508 e U.S. Pat. n. 8.078.281) hanno riconosciuto l'invenzione come realmente innovativa nell'ambito delle terapie neuromodulatorie. Medodiche che rappresentano un''arma hi-tech' contro il Parkinson, ma potenzialmente anche contro altre patologie neurodegenerative.

Il nuovo pacemaker cerebrale adattativo - si sottolinea nella nota - potr essere adottato da tutti i pazienti indicati per trattamento con stimolazione cerebrale profonda (Dbs), anche per quelli che hanno gi un impianto Dbs di vecchia generazione. Secondo gli addetti ai lavori, le potenzialit commerciali sono molto ampie e in crescita. Solo negli Stati Uniti, i malati di Parkinson che possono beneficiare del trattamento con Dbs sono circa il 20% del totale (quindi circa 500.000 malati), mentre sono circa 60.000 all'anno i nuovi casi, con costi di impianto che si aggirano intorno ai 30.000 dollari.

(Red-Opa/Adnkronos Salute)