Salute: Emilia Romagna, 331 impianti di protesi Pip dal 2001
Salute: Emilia Romagna, 331 impianti di protesi Pip dal 2001
I dati comunicati dalla Regione al ministero della Salute

Bologna, 27 gen. (Adnkronos Salute) - Le protesi al seno Pip (Poly Implants Prothese) impiantate in Emilia Romagna sono 331. L'assessorato regionale alle Politiche per la salute, seguendo le indicazioni fornite dall'ordinanza emanata ai primi di gennaio dal ministero della Salute, ha completato, sulla base dei dati inviati dalle singole aziende sanitarie, il monitoraggio sugli impianti di protesi mammarie Pip eseguiti dal 1 gennaio 2001 in tutte le strutture della regione. I dati sono stati comunicati al ministero entro il 24 gennaio, come stabilito dall'Ordinanza.

Questi i dati suddivisi per provincia, riportati in una nota regionale: a Piacenza nessuna protesi Pip, a Parma 15, a Reggio Emilia nessuna, a Modena 2, a Bologna 124, a Imola nessuna, a Ferrara nessuna, a Ravenna 59, a Forl 3, a Cesena 2, a Rimini 126.

Secondo il parere espresso dal Consiglio superiore di sanit, a cui si richiamato nella sua ordinanza il ministero - ricorda la Regione - per le protesi Pip, ritirate dal commercio in Italia dal 1 aprile del 2010, non esistono prove di maggior rischio di cancerogenicit, ma sono state evidenziate maggiori probabilita di 'rottura e di reazioni infiammatorie'. Pertanto, le donne che hanno subito un impianto sono invitate a discutere la loro situazione con il proprio chirurgo. I centri dove stati eseguiti gli impianti 'sono richiesti di essere parte attiva nel richiamare le pazienti' - indica ancora il Css - per discutere con loro la situazione. Per quanto riguarda in specifico la possibilit dell'espianto della protesi, il Servizio sanitario si far carico degli interventi medico/chirurgici laddove vi sar una indicazione clinica specifica.

(Com-Sav/Adnkronos Salute)