Vaccini: Lancet, anti-meningococco B Novartis protegge nella prima infanzia
economia
cronaca
spettacoli
sport
cultura
salute
lavoro
sostenibilità
internazionale
multimedia
regioni
immediapress
Segui Adnkronos

Sfoglia l'archivio Adnkronos


Vaccini: Lancet, anti-meningococco B Novartis protegge nella prima infanzia

Roma, 14 gen. (Adnkronos Salute) - La rivista 'Lancet' ha pubblicato oggi online i risultati di uno studio clinico registrativo di Fase III per il vaccino Novartis contro il meningococco B che ha coinvolto 3.630 bambini a partire dai due mesi di etÓ, dimostrando una risposta immunitaria protettiva e un profilo di sicurezza accettabile quando il prodotto viene somministrato secondo uno schema di immunizzazione primaria di tre dosi in concomitanza con le vaccinazioni di routine.

Gli sperimentatori - evidenzia una nota - hanno inoltre osservato una robusta risposta immunitaria nei bambini che hanno ricevuto una quarta dose al dodicesimo mese di vita che, infatti, pu˛ contribuire a una durata pi¨ estesa della protezione. Questi dati sono stati presentati per la prima volta nel 2010 alla diciassettesima edizione dell'International Pathogenic Neisseria Conference. "Da pediatra, mi rendo conto di quanto possa essere devastante il meningococco B nei lattanti e nei bambini e dell'agonia cui sono sottoposte le famiglie colpite - ha commentato Susanna Esposito, direttore della Clinica pediatrica I alla Fondazione Irccs Ca' Granda ospedale Maggiore Policlinico di Milano, presidente della SocietÓ italiana di infettivologia pediatrica e membro dei Comitati per la ricerca clinica e per l'attivitÓ assistenziale della European Society for Pediatric Infectious Disease (Espid) - la prospettiva di un nuovo vaccino che possa aiutare a prevenire il meningococco B rappresenta l'innovazione che stavamo aspettando da oltre 10 anni".

Lo scorso novembre 2012, il vaccino Novartis contro il meningococco B ha ricevuto il parere positivo da parte del Comitato per i medicinali per uso umano dell'Agenzia europea per i medicinali (Ema). Si attende ora il pronunciamento della Commissione europea che in genere recepisce le raccomandazioni del Chmp e solitamente comunica la decisione finale entro i successivi tre mesi. A partire da quel momento, l'eventuale approvazione sarÓ valida in tutti i paesi dell'Unione europea. Novartis Ŕ impegnata a rendere disponibile quanto prima il vaccino contro il meningococco B e sta giÓ dialogando con le autoritÓ competenti per un suo inserimento nei calendari di immunizzazione nazionale il prima possibile. "A seguito di questa prossima autorizzazione assicura Andrin Oswald, responsabile mondiale della Divisione Vaccines Diagnostics di Novartis - saremo in grado di offrire vaccini per aiutare a proteggere contro cinque dei pi¨ comuni e virulenti sierogruppi meningococcici, che causano la maggior parte delle infezioni e dei decessi nel mondo".

(Com-Bdc/Adnkronos Salute)