Pediatria: Bambino Gesu' Roma lancia il decalogo dei bimbi allergici

ultimo aggiornamento: 19 febbraio, ore 16:00
commenta commenta 0     vota vota 9    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Roma, 19 feb. (Adnkronos Salute) - Un decalogo per la cura del bambino allergico, affinch il piccolo impari i giusti comportamenti da osservare per gestire i suoi disturbi. Dieci consigli per aiutare figli e genitori a riconoscere, trattare e prevenire le malattie causate dalle allergie. E' il documento presentato oggi all'ospedale pediatrico Bambino Ges di Roma, in occasione della quinta Giornata nazionale del bambino allergico. All'incontro hanno partecipato anche l'Associazione laziale asma e malattie allergiche (Alama), la Federazione italiana delle associazioni di sostegno dei malati allergici e asmatici (Federasma), e la Societ italiana di allergologia e immunologia pediatrica (Siaip). Dalla prossima settimana il decalogo sar disponibile anche online, sul portale dell'ospedale capitolino.

"Questo documento - spiega Giovanni Cavagni, primario di allergologia pediatrica del Bambino Ges - il frutto della lunga alleanza consolidata con Federasma. Il decalogo definisce, sulle base delle nostre conoscenze, le linee guida per i diritti del bambino allergico. Nei consigli viene spiegato quali devono essere le garanzie che deve avere il piccolo per una diagnosi certa", e si illustra "una serie di insegnamenti rivolti a familiari o persone vicine al bambino, utili a prevenire l'insorgere di queste patologie".

Attenzione particolare verr data anche all'attivit fisica e alla scuola. "Il bambino allergico - sottolinea l'esperto - deve essere trattato come tutti gli altri. Anche lui, quindi, deve avere il diritto di fare sport. Quanto alla scuola, invece, si deve garantire allo scolaro di avere attorno a s personale adeguato".

Ecco il decalogo nel dettaglio:

1) Se si sospetta che il bambino soffra di disturbi a contatto con una sostanza allergenica, consultare immediatamente il pediatra; 2) Per le diagnosi di allergia vanno eseguite prove cutanee (prick test) o il dosaggio sul sangue delle IgE (immunoglobuline E) specifiche per la sostanza sospettata allergizzante; 3) Al bambino allergico va assolutamente evitato il contatto col fumo; 4) Il bambino con allergia accertata ad alimenti o farmaci deve avere la garanzia di non assumere mai l'alimento o il farmaco in questione. Potrebbe rimetterci la vita; 5) Al bambino allergico a sostanze presenti negli ambienti interni deve essere garantita la pulizia delle stanze e gli sgombri degli arredi.

E ancora: 6) Consultare il calendario pollinico per salvaguardare il bambino allergico ai pollini; 7) Al bambino gi vittima di reazioni molto gravi a contatto con sostanza, alimenti o farmaco allergizzante, o a seguito di punture di insetto, deve essere garantita la fornitura gratuita del farmaco salvavita per prevenire lo shock anafilattico; 8) Al bambino con grave malattia della pelle causata da allergia deve essere garantita la fornitura gratuita dei presidi terapeutici locali e sistemici necessari al controllo della malattia stessa; 9) Il bambino ha il diritto di frequentare tutte le attivit sportive e ludiche, sotto il controllo di personale addestrato appositamente; 10) A scuola il bambino ha il diritto ad avere ambienti interni ed esterni idonei, rigoroso rispetto del regime alimentare, impiego di farmaci specifici e certificati necessari alla cura quotidiana o di emergenza.

pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
tutte le notizie di Benessere
commenta commenta 0    invia    stampa