Pediatria: Eurispes-Telefono Azzurro, per bimbi tanta tv, Internet e cellulari

ultimo aggiornamento: 16 dicembre, ore 17:16
Il media tuttora pi popolare fra i piccoli della Penisola rimane la televisione: solo il 4,8% del campione, infatti, afferma di non utilizzarla mai


condividi questa notizia su Facebook

commenta commenta 0     vota vota 7    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Roma, 16 dic. (Adnkronos Salute) - La tecnologia e i bambini: televisione, cellulari, viedogiochi e Internet la fanno da padroni. Il media tuttora pi popolare fra i piccoli della Penisola, emerge da un'indagine Eurispes-Telefono Azzurro, rimane la televisione: solo il 4,8% del campione, infatti, afferma di non utilizzarla mai. Il consumo televisivo risulta nella maggioranza dei casi moderato: il 37,1% vede la tv fino a un'ora al giorno, il 30,8% da una a 2 ore. I bambini forti consumatori sono una minoranza, che non va per trascurata: pi di un bambino su 10 (il 12,6%) trascorre oltre 4 ore al giorno davanti al piccolo schermo. Al secondo posto per diffusione tra i bambini si colloca il computer: il 41,3% lo utilizza al massimo un'ora al giorno, mentre il 17,4% da una a 2 ore.

La maggioranza dei bambini si collega a Internet (59,7%), mentre un terzo ne rimane escluso (33,1%). Anche in questo caso prevale un consumo contenuto: il 31,9% lo usa fino a un'ora al giorno, il 13% da una a 2 ore, ma un 6,9% dei giovanissimi naviga per oltre 4 ore al giorno. Quasi tre bambini su 4 giocano abitualmente con le consolle per videogiochi, divenute da tempo una sorta di must per i ragazzi. Il 30,7% le utilizza fino a un'ora al giorno, il 19% 1-2 ore, ma un bambino su 10 addirittura pi di 4 ore al giorno. Nel 2009 il 41,1% dei bambini di 7-11 anni non giocava con le consolle, mentre a un anno di distanza la quota scesa al 25,8%, segno di un vero e proprio boom.

I bambini utilizzano le apparecchiature elettroniche prevalentemente da soli. Per quanto riguarda la tv, la met del campione la guarda solitamente da solo, quasi un terzo (31,8%) con i genitori e il 12% con gli amici. Un terzo degli intervistati guarda i dvd da solo, il 23,6% con i genitori e il 19% con gli amici. La consolle per i videogiochi viene utilizzata prevalentemente dai bambini da soli (39,9%). Per quanto riguarda Internet, solo il 14,4% del campione riferisce di navigare con i genitori: il 40,4% naviga da solo e l'11,7% con gli amici. Ci significa che i bambini sono generalmente privi di controllo da parte degli adulti anche quando usano mezzi di comunicazione potenzialmente insidiosi per i pi piccoli.

Le attivit legate all'utilizzo di Internet pi diffuse tra i bambini sono guardare filmati su YouTube (lo fa il 67,8% di chi naviga), giocare con i videogiochi (64,6%), cercare informazioni interessanti (61,7%), scaricare musica/film/giochi/video (58,7%). Se queste attivit sono diffuse tra la maggioranza dei piccoli navigatori, risulta non trascurabile anche la quota di chi cerca materiale utile per lo studio (46,6%), chatta (42,2%), utilizza social network (42,1%). Quasi un terzo usa la posta elettronica (32,2%) e il 27,6% partecipa a giochi di ruolo online.

L'indagine segnala in particolare la diffusione ormai capillare, anche tra i pi giovani, di YouTube e dei social network, nonch l'abitudine dilagante, fin dall'infanzia, di scaricare materiali da Internet, spesso in modo illegale. Particolarmente in aumento il numero dei bambini che guardano filmati da YouTube (erano 54,7% nel 2009, percentuale salita al 67,8% nel 2010) e che usano la posta elettronica (27,8% nel 2009 e 32,2% nel 2010).

La rilevazione inerente i gusti e le preferenze dei bambini nella scelta di generi di video guardati su YouTube ha mostrato una significativa propensione del campione intervistato al genere musicale, scelto nel 62,9% dei casi. I filmati divertenti/curiosi e i pezzi di programmi televisivi preferiti, vengono guardati rispettivamente dal 57,8% e dal 57,5% del campione. I video con scene forti (incidenti, violenza, sesso, eccetera) registrano la percentuale pi bassa di risposte affermative (17,1%), bench si tratti di una percentuale da non sottovalutare considerando il contenuto ed il genere dei video stessi.

Le indagini condotte negli ultimi anni da Telefono Azzurro ed Eurispes hanno evidenziato come il telefono cellulare abbia avuto un progressivo incremento di diffusione. Se nel 2009 la percentuale di bambini col telefonino si attestava al 53,7%, il 2010 fa registrare un ulteriore incremento della percentuale dei bambini che possiedono un cellulare: complessivamente il 62,4%, contro il 33,2% che non ne dispone ancora. Nello specifico, il 34,5% dichiara di possedere un cellulare semplice, il 18,6% un smart-phone o un video-telefonino, il 9,3% di averne addirittura pi di uno.

Dall'indagine emerge tuttavia che il telefonino viene utilizzato soprattutto per assolvere alla sua funzione basilare: il 76,2% dei bambini lo usa per chiamare ed essere chiamato dai genitori. Si pu inoltre constatare che il telefonino sicuramente percepito dai pi piccoli come uno strumento di comunicazione che permette di relazionarsi in breve tempo e in modo diretto con i propri amici (66,3%). La tendenza viene confermata anche dall'uso frequente che i bambini fanno degli sms (54,7%). Probabilmente a causa del loro costo maggiore rispetto agli sms, risulta molto meno diffuso lo scambio degli mms (28,3%).

Rispetto alle rilevazioni degli altri anni, l'indagine registra poi un aumento considerevole dei bambini che utilizzano il telefonino per la navigazione su Internet: 23,1% rispetto all'8,5% del 2007, al 12,8% del 2008 e al 20,3% dello scorso anno. Molto diffuso l'uso del telefono per fare fotografie o filmati (66,1%) o per giocare (59%). In quest'ultimo caso si registra una flessione rispetto ai risultati dell'indagine condotta lo scorso anno, da cui risultava che la percentuale dei bambini che utilizzava il cellulare per giocare era pari al 69,9%.


pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
tutte le notizie di Benessere
commenta commenta 0    invia    stampa