Psicologia: la crisi spaventa italiani, 1 su 3 lascerebbe il Paese

ultimo aggiornamento: 23 novembre, ore 17:15

commenta commenta 0     vota vota 5    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Roma, 23 nov. (Adnkronos Salute) - La recessione economica e la crisi dei mercati spaventa gli italiani. Li fa vivere in uno stato di allarme, tanto che uno su tre lascerebbe il Paese. Prima che vada a rotoli. E' il quadro che emerge da uno studio dell'Eurodap, Associazione europea disturbi da attacchi di panico, eseguito su un campione di 800 persone.

"Il test messo - afferma Paola Vinciguerra, psicoterapeuta e presidente dell'Associazione - chiedeva alle persone di esprimersi su varie situazioni della vita quotidiana, precariet lavorativa, salute, rapporti sociali, rapporti con il partner. Secondo le riposte ottenute si pu dire che oggi un italiano su tre vive da lungo tempo ormai, almeno due anni, in uno stato di allarme. Ha paura. Percepisce l'Italia come un posto pericoloso e insidioso. Alcune paure le giustifica anche razionalmente come quella nei confronti della criminalit o del fenomeno dell'immigrazione, dell'assenza di un futuro per s e per i propri figli. Mentre in altri casi pu sviluppare vere e proprie fobie irrazionali", aggiunge l'esperta.

Secondo la Vinciguerra, "queste persone vivono un senso angosciante di precariet, temono di perdere improvvisamente tutto ci che hanno. In questo modo la loro vita pesantemente condizionata da un continuo stato di allarme, legato a tutti gli aspetti della quotidianit, compresi il lavoro e le relazioni interpersonali. Tutto ci provoca inevitabilmente delle risposte di disagio psicofisico - aggiunge - che inizialmente si possono manifestare con un forte aumento di irritabilit, insonnia, cefalee, dolori muscolari, aumento di stanchezza, disagi alimentari".

Tutti disagi che, se trascurati, secondo la Vinciguerra possono trasformarsi in vere e proprie patologie come "gastriti, diabete, cardiopatie e a livello psicologico ansia generalizzata, attacchi di panico, depressione. Fondamentale - aggiunge l'esperta - prendere coscienza della libert di cui queste paure ci privano e dei comportamenti ai quali ci costringono".

Per la Vinciguerra, "il primo indispensabile passo per cercare di ridimensionare questa percezione di costante pericolo pu essere quello di rafforzare la fiducia in ognuno di noi, migliorando lo stato di ansia e stress con cui stiamo vivendo".

Per aiutare a gestire meglio questo momento di grave difficolt l'Eurodap ha organizzato una giornata contro lo stress. Il 6 dicembre in programma un corso di 3 ore per insegnare tecniche di rilassamento e di gestione dell'ansia.


pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
tutte le notizie di Benessere
commenta commenta 0    invia    stampa