Salute: la psicologa, poverta' innesca ansia, rischiamo depressione sociale

ultimo aggiornamento: 23 maggio, ore 17:47

commenta commenta 0     vota vota 3    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Roma, 23 mag. (Adnkronos Salute) - "Se il rischio povert riguarda sette milioni di italiani, come ha comunicato oggi l'Istat, ci che ci sta per travolgere, ma i segnali erano chiari ed evidenti gi da tempo, la depressione sociale. Di questo ci ammaleremo, chi pi, chi meno. Chi sperimenta la povert difficilmente non vivr da depresso e chi ne sar solo sfiorato dovr comunque vedersela con una forte ansia e con la paura che tutto possa cambiare da un momento all'altro". Paola Vinciguerra, psicologa e psicoterapeuta che con la sua Associazione europea disturbi da attacchi di panico sta portando avanti una serie di studi su come la popolazione sta reagendo alla crisi economica, si dice molto preoccupata dopo gli ultimi dati Istat che descrivono un'Italia ferma da moltissimi punti di vista.

"Le patologie della sfera psicologica, ansia, depressione, attacchi di panico, disturbi ossessivi compulsivi, stanno aumentando a macchia d'olio tra la popolazione sia giovane sia avanti con l'et - assicura Vinciguerra - Le persone non sono in grado di reagire ai cambiamenti, non sono pronte, non hanno gli strumenti. Una famiglia che si trova costretta a cambiare stile di vita per la crisi economica difficilmente rimarr unita".

"Si perderanno i coniugi - prosegue - ognuno dei due chiuso nelle proprie preoccupazioni che portano paura, ansia, stati d'animo negativi; si deprimeranno i figli ai quali nessuno aveva insegnato, nella maggior parte dei casi, a ricercare gli stimoli per superare una crisi. Abbiamo educato la generazione dei ragazzi ad avere tutto e subito, non a lottare per ottenere".

"In questa situazione solo una famiglia su tre rimane legata e trova la forza proprio nella famiglia stessa, negli affetti per superare le difficolt - aggiunge l'esperta, che anche responsabile dell'Uiap, Unit italiana attacchi di panico della Clinica Paideia di Roma - E' difficile ammettere di soffrire di crisi di ansia, difficile riconoscere una depressione e prenderla di petto facendosi aiutare da chi conosce la via d'uscita".

"Cos in ogni famiglia in crisi economica che sperimenta la povert - stima Vinciguerra - almeno un componente rischia di cadere nella rete degli attacchi di panico e, in persone particolarmente sensibili e predisposte a disagi psichici, ci pu essere il rischio concreto che possano arrivare a commettere gesti estremi come un suicidio".

"In Inghilterra hanno fatto scendere in campo contro i disagi della sfera psicologica - fa notare la psicologa - oltre 8.000 psicoterapeuti. Hanno calcolato un alto costo sociale per questo tipo di patologia della psiche. Le persone devono essere sensibilizzate a questi problemi e soprattutto bisogna insegnare a prevenire mali come la depressione", conclude.


pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
tutte le notizie di Benessere
commenta commenta 0    invia    stampa