Salute: pensare positivo allunga la vita, chi dice di star bene muore dopo

ultimo aggiornamento: 09 febbraio, ore 17:39

commenta commenta 0     vota vota 5    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Zurigo, 9 feb. (Adnkronos Salute/Ats) - L'ottimismo, si sa, aiuta a vivere meglio. Ma pensare positivo fa anche vivere di pi. Un gruppo di scienziati svizzeri dell'universit di Zurigo ha dimostrato infatti che chi dice di sentirsi bene, anche se magari soffre di acciacchi o 'cova' malattie, proprio grazie al suo 'vedere rosa' riesce a sopravvivere pi a lungo. Chi invece si lamenta e giudica pessimo il proprio stato di salute, avvertono i ricercatori nello studio pubblicato su 'Plos One, arriva addirittura a triplicare il rischio di morte.

Alla fine degli anni '70, il team diretto da Matthias Bopp dell'Istituto di medicina sociale e preventiva di Zurigo aveva interrogato 8.250 persone su come valutassero le proprie condizioni di salute, sottoponendole al contempo a un esame medico. Oltre 30 anni dopo i ricercatori hanno provato a stabilire un rapporto tra la mortalit dei partecipanti all'indagine e il giudizio che allora avevano espresso. Ne emerso che "l'autovalutazione ha un forte valore prognostico", riassume l'ateneo elvetico. In particolare, il rischio di morte degli uomini che giudicavano "pessime" le proprie condizioni di salute risultato, 3 decenni dopo, 3,3 volte maggiore rispetto a quello dei coetanei che si sentivano "molto bene". Andava un po' meglio alle donne 'pessimiste', con una probabilit di morte 1,9 volte superiore rispetto a quella delle coetanee che avevano valutato positivamente la propria salute.

Il rischio di morte, precisano gli autori dello studio, aumenta parallelamente alla negativit dell'autovalutazione: pi alto per chi vede nero, pi basso per gli ottimisti, con in mezzo tutti i gradi intermedi.

Poich facilmente immaginabile che chi valuta negativamente la propria salute soffra gi di qualche malattia, oppure viva in modo poco sano o abbia anche altri fattori di rischio, gli scienziati svizzeri hanno 'corretto' i risultati ottenuti tenendo conto di eventuali elementi concomitanti. Ebbene, l'effetto-longevit dell'ottimismo rimaneva valido: il fatto che le singole persone esaminate fumassero o no, fossero o meno affette da una malattia cronica, assumessero o meno farmaci - assicurano gli autori - modifica pochissimo il legame tra autovalutazione e rischio di morte. Lo stesso vale anche per il valore della pressione arteriosa e per i livelli di zucchero nel sangue.

I risultati dello studio suggeriscono che chi giudica "molto buona" la propria salute in realt possiede risorse in grado di promuoverla e preservarla, commenta Bopp all'agenzia Ats. Questo non significa, precisa l'esperto, che basta essere ottimisti per mantenersi sani.

Secondo i medici, tuttavia, l'autovalutazione del paziente potrebbe rappresentare un'importante indicazione. La salute, infatti, non la semplice assenza di malattie, ma un sentirsi bene complessivo: fisico, spirituale, sociale, puntualizza Bopp. "Un buon medico - sostiene il co-autore dello studio David Fh - non dovrebbe valutare soltanto la presenza o assenza di fattori di rischio e malattie, ma esaminare anche di quali 'risorse di salute' i pazienti dispongono, ed eventualmente promuoverle e consolidarle".


pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
TAG
Salute
tutte le notizie di Benessere
commenta commenta 0    invia    stampa