Sanita': sempre piu' italiani rinunciano a dentista, -2,5 mln visite nel 2010

ultimo aggiornamento: 26 maggio, ore 16:55

commenta commenta 0     vota vota 8    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Roma, 26 mag. (Adnkronos Salute) - Italiani sempre meno attenti alla salute della loro bocca. Stretti nella morsa della crisi decidono di rinunciare alla spesa del dentista, tanto che nel 2010 si registrato un calo degli accessi agli studi privati di circa 2,5 milioni di visite. Una flessione che ha pesanti ricadute su tutto il movimento: l'anno scorso, rispetto al 2009, il 45% dei dentisti ha infatti denunciato un calo dei ricavi del 30%. E le previsioni non fanno presagire nulla di buono per loro tasche: per il 2011 si prevede un calo del 46,3%. A scattare la fotografia l'Andi (Associazione nazionale dentisti italiani), che domani a Rimini, in occasione della Fiera Amici di Brugg, presenter la terza indagine sullo stato della professione odontoiatrica nel nostro Paese.

Dall'indagine - realizzata attraverso un questionario inviato agli iscritti dell'Associazione e rispetto al quale si sono riscontrate 5.589 risposte valide e certificate - emerge un quadro a tinte fosche per la categoria. Ad esempio, un terzo dei dentisti si dichiara "sottoccupato", soprattutto i giovani e i pi anziani. Una risposta che figlia della riduzione del numero dei 'clienti': secondo una recente indagine della Key-Stone, nel 2010 sono infatti state fatte due milioni e mezzo di visite in meno.

A fronte di questa congiuntura sfavorevole la professione tende a reagire con varie strategie: il 63,9% dei dentisti punta sulla maggiore efficienza degli studi; il 54% accresce il capitale professionale investendo nelle proprie capacit; il 43,6% punta a risparmiare sulle spese di studio; il 35,6% ricerca collaborazione con altri studi e si associa con altri dentisti; il 31,9% investe nello studio per aumentare la gamma delle cure praticate; il 17,4% rivede le tariffe; il 16% ricerca collaborazione con l'odontoiatria pubblica.

I dentisti che hanno risposto al questionario dell'Andi confermano un atteggiamento indifferente (29,6%) e addirittura negativo (41,4%) rispetto a un ruolo propulsivo dei fondi sanitari integrativi, cos come l'82,6% manifesta una certa preoccupazione per il propagarsi di forme di esercizio professionale supportate da societ di capitale, franchising, eccetera. Tra le prestazioni che hanno pesantemente risentito di questa situazione, il primato tocca alle riabilitazioni protesiche, ma anche l'implantologia fa registrare per la prima volta un significativo calo.

"Il quadro che emerge - afferma il presidente di Andi, Gianfranco Prada - desta particolare preoccupazione tanto per le centinaia di migliaia di assistenti alla poltrona che trovano occupazione negli studi odontoiatrici oltre che per la stabilit di una professione particolarmente costosa, ma anche soprattutto per il rischio di depauperare un patrimonio costruito negli anni con difficolt dagli italiani che hanno uno stato di salute della bocca tra i migliori al mondo".

Secondo l'associazione, il fenomeno pi marcato in quelle aree del Paese maggiormente industrializzate e che quindi hanno pi di altre risentito della crisi economica. Valutazione confermata da una "temporanea tenuta" della professione nei capoluoghi nei quali prevalgono il terziario piuttosto che non zone prettamente rurali. Tra le zone critiche anche quelle di frontiera, per la concorrenza dei low-cost d'oltre confine. Dall'indagine inoltre emerso che "la mutazione professionale in atto" vissuta con maggior "sofferenza anche psicologica" dei dentisti meno giovani, mentre coloro, soprattutto se non figli d'arte, che si approcciano alla professione in giovane et, si adeguano con maggior facilit e duttilit alla nuova situazione professionale.


pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
TAG
dentista
tutte le notizie di Benessere
commenta commenta 0    invia    stampa