Labitalia

Combattere la crisi con 'Campus Mentis 2010'

Un momento della presentazione di Campus Mentis 2010  Un momento della presentazione di Campus Mentis 2010
ultimo aggiornamento: 25 ottobre, ore 17:42
Progetto che mette in contatto ragazzi ed aziende, promosso dal ministero della Giovent in collaborazione con il Centro di ricerca ImpreSapiens dell'universit La Sapienza di Roma.

commenta commenta 0     vota vota 11    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Pomezia (Roma), 25 ott. (Labitalia) - La disoccupazione giovanile si pu combattere con 'Campus Mentis 2010', il progetto che mette in contatto ragazzi ed aziende, promosso dal ministero della Giovent in collaborazione con il Centro di ricerca ImpreSapiens dell'universit La Sapienza di Roma e con il supporto di importanti player del mercato del lavoro e della comunicazione. E proprio oggi, la seconda edizione del progetto stato inaugurata presso l'aula magna del campus 'Selva dei Pini' a Pomezia (Roma), dal ministro della Giovent, Giorgia Meloni, dal direttore di ImpreSapiens, Fabrizio D'Ascenzo e dal coordinatore del Global Village Campus e ricercatore Isfol, Andrea Rocchi.

"L'iniziativa - ha spiegato la Meloni - quest'anno coinvolge 1.500 laureati di tutta Italia che verranno messi a confronto con il mondo imprenditoriale e del lavoro. Interpreto le politiche giovanili anche come la capacit di disegnare le politiche nel lungo periodo, per questo sostengo che bisogna adeguare la societ ad un mercato che cambia".

"I risultati del 2009 ci danno ragione -ha sottolineato il ministro- infatti il 77% dei 600 ragazzi che ha partecipato all'edizione dello scorso anno ha trovato lavoro. Puntiamo nei prossimi tre anni a coinvolgere pi di 20 mila ragazzi in tutta Italia. La situazione dei giovani nel mondo del lavoro presenta ancora notevoli difficolt, in primo luogo necessario abbattere le rendite di posizione e ripristinare l'ascensore sociale". "Il sistema -ha rilevato Giorgia Meloni- non ancora meritocratico e va invece costruita una posizione di uguaglianza che diventi presupposto della meritocrazia".

"'Campus Media' - ha rimarcato il ministro - punta a far parlare due mondi che in genere non dialogano e ci aiuta, inoltre, a superare una serie di stereotipi che considerano i giovani come generazioni di tronisti e veline. Attenzione per, le giovani generazioni non sono solo quelli del 'n -n' (n studiano n lavorano ndr), ma dei 'e-e', ovvero di chi studia, lavora e magari mette su famiglia".

"Tra i ragazzi - ha continuato - esistono molte realt che non chiedono scorciatoie e che anzi dimostrano di essere migliori di altri Paesi. Comunque con questo progetto diamo loro un segnale che non sono soli e abbandonati. Mentre alle imprese vogliamo dire che i ragazzi stessi sono in grado di costruire cose straordinarie".

"Cos - ha concluso Giorgia Meloni - offriamo la possibilit ai ragazzi di raccontarsi a 360 gradi non in pochi minuti di tempo, anche perch qui c' qualcuno disposto ad ascoltare". Sottolineando poi le difficolt che i giovani laureati incontrano nell'avere accesso al mondo del lavoro, il ministro ha annunciato, a sostegno di chi ancora non beneficia di un contratto a tempo indeterminato, "l'imminente varo del progetto che permetter anche ai giovani lavoratori atipici di accedere al fondo di garanzia per ottenere un mutuo".

"L'80% dei ragazzi ha trovato un impiego e il 31,1% dei ragazzi - ha affermato Fabrizio D'Ascenzo, direttore di ImpreSapens - ha effettuato pi di sette colloqui di lavoro con i rispettivi responsabili del personale. I risultati raggiunti nella passata edizione parlano chiaro. E' una delle prime esperienze, in Italia, in cui un centro di ricerca viene coniugato ad un progetto di servizi agli studenti. Quest'ultimi hanno, infatti, a disposizione la possibilit di farsi vedere dalle aziende". "Per questo, oltre quella di Pomezia -ha continuato- abbiamo deciso di estendere questa esperienza con l'apertura di altre due sedi: a Catania e ad Abano Terme. Cosa fondamentale, poi, le iscrizioni resteranno sempre aperte".

"Il progetto pilota dello scorso anno - ha ricordato Andrea Rocchi coordinatore del 'Global Village Campus' - ha dato risultati pi che sperati e cos il ministero ha deciso di supportarci ancora una volta. L'incontro tra domanda e offerta, l'orientamento dei giovani alle scelte che possono dare maggiori opportunit occupazionali, i consigli sulle modalit pi efficaci di candidatura sono alcune delle sfide che si trovano di fronte istituzioni, mondo imprenditoriale e giovani laureati o studenti".

"Con 'Global Village Campus' - ha osservato Rocchi - le aziende partecipanti sono direttamente coinvolte nelle attivit di formazione, selezione e partecipazione. Non solo. I responsabili delle risorse umane dirigenti e amministratori delegati si presentano direttamente ai ragazzi mediante sessioni di aula e company workshops".


dentro Lavoro
dati  |   politiche  |   sindacato  |   professioni  |   formazione  |   welfare  |   video
pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
tutte le notizie di Politiche
commenta commenta 0    invia    stampa