Labitalia

Giovani designer e sartorialit creativa 'on demand' a 'Room Service'

ultimo aggiornamento: 27 gennaio, ore 17:17
Dodici 'promesse' della moda italiana hanno esposto le loro creazioni.


condividi questa notizia su Facebook

commenta commenta 0     vota vota 2    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Roma, 27 gen. (Labitalia) - Il lavoro di giovani creativi per rendere contemporanea la tradizione sartoriale e artigianale italiana. Dodici 'promesse' della moda italiana hanno esposto le loro creazioni nella quinta edizione di 'Room Service', il progetto ideato e curato da Simonetta Gianfelici per Altaroma. Per tre giorni, 12 stanze del Rome Marriott Grand Hotel Flora si sono trasformate in salotti-atelier e botteghe, per mettere in mostra abiti, accessori, gioielli e nuove fraganze, anche 'on demand', e offrire una vetrina di talenti.

"Stile e ricerca, artigianalit e innovazione: sono questi i valori che generano quel lusso fatto di sostanza - spiega la curatrice Simonetta Gianfelici - e non semplicemente di apparenza che si manifesta in un fascino sempre evidente, ma discreto e si attesta sui toni di un raffinato understatement, merito di quella passione per l'eccellenza che caratterizza da sempre il made in Italy. 'Room Service' fa della qualit e della ricerca i propri capisaldi. E' per questo che ho selezionato i migliori designer basandomi sull'esclusivit e la sperimentazione delle loro creazioni".

Lo spazio espositivo diventato, quindi, un vero e proprio luogo di incontro dove operatori del settore e pubblico hanno potuto non solo osservare le creazioni esposte, ma anche entrare in contatto diretto con i loro ideatori e realizzatori. I 12 designer, selezionati tra molti, sono tutti rigorosamente accomunati dalla prerogativa di avvalersi di tecniche sartoriali e di materie prime pregiate, 'all made in Italy'.

Ma chi sono i dodici giovani espositori di 'Room Service'? Alberto Zambelli, diplomato all'Istituto Marangoni nel 1990, nel 2007 ha vinto il concorso Fashion Incubator indetto da Camera nazionale della moda e fondato la sua Maison, Archivio Privato; oltre al proprio brand, crea collezioni per il mercato giapponese e coreano. Mentre Carola Pennacchiotti, classe 1986, nata a Roma dove ha frequentato la facolt di Economia e Management e successivamente il dottorato in Innovazione e Tutela dei consumatori; nel 2014 ha dato vita alla prima collezione del marchio Carola Roma, interamente made in Italy.

Ancora, Cecilia Capuano realizza gioielli con l'omonimo brand nato nel 2011, esposti da tre anni nello showroom romano all'interno di un convento del XVI secolo, a pochi passi dal Colosseo. E Clemsa un brevetto e un viaggio di ricerca che nasce dal progetto di tesi di Sabrina Clementi in Product Design, con l'obiettivo di realizzare artigianato tessile, attraverso una sorta di tappezzeria indossabile, con una linea di accessori ed elementi di interior design. Nato come laboratorio di ricerca e punto vendita interamente dedicato al denim, invece, Doddo Officina Indaco, situato nel cuore del Ghetto, realizza tre collezioni ed un luogo destinato a trasformarsi in punto d'incontro dove scambiare idee sulle tendenze del momento.

Classe 1985, romana, Flavia La Rocca ha iniziato la sua carriera negli uffici stampa delle pi note maison della moda internazionale e nel 2011 ha deciso di fondare il marchio di abbigliamento 'flavialarocca', che nel 2013 stato selezionato, tra i designer emergenti, da Vogue Talents e si aggiudicato la vittoria del concorso 'The Talents Night', promosso da Vogue Italia e Visa.

Tra gli espositori, anche Camilla Stipa, romana, classe 1971, che nel 2009 ha dato vita al brand Ka-Mo, la prima collezione al mondo di sandali 'multi-face', dal design brevettato, ispirati alla donna 'viaggiatrice e practical chic', selezionata tra i finalisti del concorso 'Who Is On Next?', promosso da Altaroma in collaborazione con Vogue Italia.

Poi, Maria Federica Bachiddu, nata a Roma e formatasi in vari paesi europei, che propone la cappa reinventandola in una collezione di sessanta capi, tutti unici e made in Italy. Ma anche Elena Longhi, romana, che ha iniziato la sua carriera nel campo media e pubblicit e nel 2013 ha dato vita al brand di accessori Ninael, con l'idea di realizzare creazioni che uniscano il meglio del made in Italy a un design contemporaneo, metropolitano e allo stesso tempo pratico ed elegante.

Profumi in mostra anche con Angelo Orazio Pregoni, con il marchio O'Dri, fondatore del movimento 'Nouse Art', fulcro di rivoluzionarie performance artistiche che hanno come protagonista l'olfatto. Presente a 'Room Service' anche 'Eau d'Italie', la prima fragranza, ispirata agli aromi del Mediterraneo, creata nel 2004 da Marina Sersale con il marito Sebastian Alvarez Murena, per celebrare il 50 anniversario dell'Hotel Le Sirenuse di Positano. Infine, Patrizia Corvaglia, designer, scultrice e maestra d'arte, che si dedica alla creazione di gioielli collaborando con importanti studi e laboratori orafi romani, con un brand nato nel 2002.


dentro Lavoro
dati  |   politiche  |   sindacato  |   professioni  |   formazione  |   welfare  |   video
pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
tutte le notizie di Professioni
commenta commenta 0    invia    stampa