Labitalia

Gusci di cozze e elenchi telefono, il riciclo con 'Scarti d'Autore'

Un quadro realizzato con le cozze (Foto Labitalia)Un quadro realizzato con le cozze (Foto Labitalia)
ultimo aggiornamento: 16 aprile, ore 15:14
Dalla creativit femminile ri-nascono oggetti da materiali destinati ai rifiuti. (video)


condividi questa notizia su Facebook

commenta commenta 0     vota vota 4    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Roma, 16 apr. (Labitalia) - Una seconda vita, se non proprio per tutto, per molto di quello che ci circonda, che usiamo troppo spesso una sola volta. Dalla plastica dei cassetti del frigorifero ai gusci di cozze, dalla carta di giornale alle cialde del caff di una nota marca, dai vecchi 'flessibili' della doccia alle tovagliette di plastica, tutto pu risorgere e trasformarsi, all'insegna della bellezza e dell'eleganza.

Orecchini, braccialetti, quadri coloratissimi, vestiti, eleganti biciclette, ciotole e lampade: questa seconda vita offerta ai materiali da non buttare, dalle artigiane e artiste che a Roma, nella centralissima via di Torre Argentina, a due passi dal Pantheon, hanno messo in mostra gli 'Scarti d'autore', una vera e propria rassegna della creativit femminile declinata al ritmo della sostenibilit ambientale.

"'Scarti d'Autore' -dice a Labitalia Livia Carchella, una delle fondatrici de 'Le Artigiane.it' - arrivata all'ottava edizione: una mostra dove sono esposti materiali di riciclo e di riuso con cui le nostre artigiane riescono a realizzare prodotti veramente molto creativi. Si vedono esposti quadri realizzati con i gusci delle cozze dipinti, con prati di tulipani e girasoli, tende realizzate con le cialde usate della 'Nespresso', collane fatte con la carta arrotolata, quadri realizzati con piccoli ritagli di fogli del giornale 'La Repubblica'. Solo un occhio molto attento riesce a capire che si tratta di un collage minuzioso di fogli di carta. 'Scarti d'Autore' -conclude- sempre stata un successo: la fantasia si esprime al meglio proprio perch incentivata a dare corpo a una materia che molti di noi considerano semplicemente come da buttare, un rifiuto".

"Questo luogo nasce per dare la possibilit alle artigiane di avere uno spazio espositivo dove poter proporre le proprie creazione in un punto che abbia anche una grandissima visibilit", spiega a Labitalia Bruna Pietropaoli, l'altra fondatrice de 'Le Artigiane.it'. "La nostra idea di promuovere il lavoro delle donne creative -racconta- nasce nel 1999, prima on line con il sito artigiane.it e con l'e-commerce. In seguito, abbiamo cominciato a realizzare delle mostre e quindi a darci una sede permanente. Attualmente, sono quotidianamente esposti prodotti di un centinaio di artigiane che si alternano, proponendo una produzione sempre varia, che attira anche un grande afflusso di turisti, entusiasti della creativit femminile italiana".

Come quella di Emanuela Foglietti, giovane artigiana che crea con grande pazienza collane leggere come piume ritagliando minuziosamente leggere sfoglie dalla comune plastica antiscivolo usata per ricoprire cassetti o mensole, o come il talento di Roberta Capizzi, che dalla carta, soprattutto quella degli elenchi telefonici, e da materiali 'poveri' come i gusci di pistacchi o i legnetti levigati dal mare, fa nascere gioielli e amuleti 'anticrisi', quanto mai utili visti i tempi.

E c' anche chi, come Beatrice Colabianchi, da un'antica arte dei nodi, che trova la sua massima espressione nel 'macram', crea sculture e arte contemporanea. Maestra d'Arte, insegna Storia dell'Arte e Macram contemporaneo a Roma. Le sue opere sono realizzate con corde di lino, canapa, juta, passamaneria di seta, lane e fibre di ogni tipo. Ma senza rinunciare alla contemporaneit: nelle sue sculture di 'riuso', infatti, a dare tensioni e luci sono flessibili della doccia, bulloni, gomme. Per tutti, davvero, una 'second life'.


dentro Lavoro
dati  |   politiche  |   sindacato  |   professioni  |   formazione  |   welfare  |   video
pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
tutte le notizie di Professioni
commenta commenta 0    invia    stampa