Labitalia

Fiat: Landini (Fiom), a Melfi dopo sentenza si chieda scusa a operai

Maurizio LandiniMaurizio Landini
ultimo aggiornamento: 10 agosto, ore 15:26
"Una grande sentenza che restituisce dignit ai tre lavoratori ingiustamente licenziati".
commenta commenta 0     vota vota 7    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Roma, 10 ago. (Labitalia) - Una "grande" sentenza che restituisce "la giusta dignita' ai tre lavoratori ingiustamente licenziati. In troppi hanno fino ad oggi parlato a sproposito di sabotaggio, oggi devono chiedere scusa ai lavoratori e anche alla Fiom". E' il leader della Fiom, Maurizio Landini a commentare cosi' la decisione del giudice del Lavoro di Potenza che ha annullato il licenziamento dei tre operai dello stabilimento Fiat di Melfi, due dei quali delegati Fiom, per un atto 'antisindacale' ordinandone l'immediato reintegro.

"Una soddisfazione doppia perche' innanzitutto viene dimostrata la volont antisindacale di Fiat e in secondo luogo perche' viene confermata l'importanza dello Statuto dei lavoratori in un momento in cui il governo ha annunciato di volerci mettere mano", aggiunge. Ma la sentenza, prosegue Landini, "deve far riflettere anche la Fiat perch la vicenda ha dimostrato come il tentativo di uscire da una crisi cancellando i contratti e le leggi non porti da nessuna parte, ne' l'azienda ne' i lavoratori".

Per questo il Lingotto "anzich chiedere deroghe o cancellazioni del contratto, o peggio ancora inventarsi Newco strane che in Italia non esistono, farebbe meglio a fare i conti fino in fondo con l'attuale sistema di relazioni sindacali affrontando i problemi di riorganizzazione produttiva con tutti i sindacati perche' senza un consenso unanime le fabbriche non funzionano", prosegue Landini ribadendo la disponbilita' delle tute blu della Cgil ad un "confronto vero che rispetti il contratto".

Per questo Federmeccanica, Fim e Uilm che a settembre, sulla scia della vicenda di Pomigliano, torneranno a confrontarsi sulle possibili deroghe contrattuali necessarie ad assicurare maggiori flessibilita' alle aziende, dovrebbero fermarsi. "Prima di fare altri disastri si fermino", ammonisce Landini. "Sarebbe assurdo che un contratto che non e' mai stato sottoposto al referendum di tutti i lavoratori siano ora di fatto cancellato senza passare da una consultazione".

dentro Lavoro
dati  |   politiche  |   sindacato  |   professioni  |   formazione  |   welfare  |   video
pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
TAG
Fiat
tutte le notizie di Sindacato
commenta commenta 0    invia    stampa