Labitalia

Filcams-Cgil, tagliati fondi per servizi pulizia nelle scuole

ultimo aggiornamento: 15 gennaio, ore 10:13
Preoccupano le conseguenze che si ripercuoteranno sui dipendenti delle imprese e sulla salute dei bambini.
commenta commenta 0     vota vota 12    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Roma, 15 gen. (Labitalia) - "Il ministro dell'Istruzione, dell'Universit e della Ricerca, Mariastella Gelmini, il 14 dicembre dello scorso anno ha fatto un bel regalo a tutti gli istituti scolastici, o forse dovremmo dire ai circa 10.000 lavoratori che svolgono le pulizie nelle scuole nei cosiddetti appalti storici. Con una nota sul programma annuale del 2010, ha comunicato ai dirigenti scolastici che la spesa per i contratti di fornitura dei servizi di pulizia e sorveglianza avrebbe dovuto subire una riduzione del 25% sul corrispettivo pattuito". Lo denuncia, in una nota, il sindacato di categoria Filcams-Cgil. "Contratti gi in essere, quindi, dovranno con il nuovo anno - prosegue - subire dei tagli. Tagli immediati e indiscriminati, su servizi che sono fondamentali per la scuola e che potrebbero compromettere il buon andamento delle lezioni".

"Tale scelta - avverte il sindacato - si ripercuoter anche sulle famiglie, che gi da qualche tempo si trovano costrette a contribuire economicamente all'attivit scolastica, acquistando materiale che dovrebbe essere fornito dallo stesso ministero. Ci sar una riduzione delle ore di servizio di pulizia e sorveglianza, quindi ambienti meno sani e sicuri per bambini e ragazzi trattandosi, prevalentemente di scuole elementari e medie inferiori. Vi sar poi, una riduzione delle ore lavorative per i dipendenti delle ditte di pulizie, che gi lavorano parttime o su turni ristretti ed eccessivamente flessibili. Non si esclude poi una possibile riduzione del personale, quel personale che in larga misura composto da donne. Ci sar un aumento dei carichi di lavoro per personale dipendente, o degli stessi collaboratori scolastici. Si continua a far pagare la crisi ai pi deboli - conclude la Filcams Cgil - a fare tagli nei settori gi in difficolt, che avrebbero bisogno di maggiori risorse e contributi".

dentro Lavoro
dati  |   politiche  |   sindacato  |   professioni  |   formazione  |   welfare  |   video
pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
tutte le notizie di Sindacato
commenta commenta 0    invia    stampa