Migranti morti, l'ipotesi di una nave madre Lombardi: ''Papa profondamente toccato''

(Adnkronos)  (Adnkronos)
ultimo aggiornamento: 11 agosto, ore 16:37
Roma - (Adnkronos) - Il direttore della Sala Stampa vaticana all'Adnkronos: ''E' sempre molto attento e presente''. A Catania giornata di lutto mercoled. Due fermati. Sabato il tragico sbarco, sei morti (VIDEO). Bonino: ''Non c' rimedio magico''. Alfano: ''Serve cooperazione europea''. Kyenge: ''Intervenga l'Europa''. L'imam di Catania: "In Europa non troverete l'oro''. Sacco: da inizio anno 1.850 arrivi su coste crotonesi


condividi questa notizia su Facebook

commenta commenta 0     vota vota 0    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Citt del Vaticano, 11 ago. (Adnkronos) - Il Papa segue ''con attenzione e preoccupazione'' gli sviluppi della nuova ondata migratoria che interessa le coste italiane. ''E' uno degli aspetti su cui il Papa sempre stato molto attento e presente - dice all'Adnkronos Padre Federico Lombardi, direttore della Sala Stampa vaticana- e tragedie come quella avvenuta a Catania lo toccano profondamente''.

''Il recente viaggio compiuto dal Papa a Lampedusa - osserva Padre Lombardi - la dimostrazione di quanto tenga a quest'aspetto e allo stesso tempo di quanto il problema sia vivo, reale ed attuale''.

La Procura distrettuale di Catania e gli inquirenti che stanno investigando sul tragico sbarco, avvenuto sabato a Catania, durante il quale hanno perso la vita sei ragazzi, stanno vagliando l'ipotesi che potrebbe non essere stato un lungo viaggio quello degli extracomunitari egiziani e siriani sbarcati nel capoluogo etneo.

Potrebbe anche esserci stata una 'nave madre' che avrebbe trainato la piccola imbarcazione in legno lasciandola, in un secondo momento al largo delle acque siciliane.

I carabinieri del comando provinciale di Catania e agenti della Questura del capoluogo etneo hanno fermato due minorenni, rispettivamente di 17 e 16 anni. Sono gravemente indiziati del reato di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina.

Sono state identificate le sei vittime, sono tutte di nazionalit egiziana e hanno un'et compresa tra i 17 e i 27 anni. E' stato inoltre confermato che la morte avvenuta per annegamento. Il minore deceduto avrebbe compiuto la maggiore et il 25 agosto prossimo. Nessuna delle vittime era tra i potenziali scafisti che hanno portato la barca sino al Golfo del capoluogo etneo per poi arenarsi a una quindicina di metri dal 'Lido Verde' del lungomare.

Il sindaco di Catania Enzo Bianco ha proclamato una giornata di lutto cittadino per mercoled prossimo, 14 agosto, esprimendo cos il cordoglio della comunit catanese per la morte dei sei migranti. Nella giornata di mercoled le bandiere della Repubblica italiana e dell'Unione europea degli uffici pubblici saranno esposte a mezz'asta e saranno sospese tutte le manifestazioni pubbliche.

La giornata di mercoled stata scelta anche per avere il tempo di organizzare eventuali funerali. La procedura prevede infatti che, una volta identificate le vittime, vengano avvisati i familiari che potrebbero richiedere le salme per procedere loro, in patria, con i riti funebri. In caso contrario il Comune di Catania si farebbe carico delle funzioni, celebrate secondo i riti della religione d'appartenenza, e della sepoltura.

Intanto, un nuovo sbarco di immigrati si verificato stamattina a Monasterace, in provincia di Reggio Calabria. I migranti sono stati individuati a terra.

''Solo sulle coste della provincia di Crotone si registrano circa 1.850 arrivi dall'inizio dell'anno'', dice all'Adnkronos Leonardo Sacco, vicepresidente nazionale delle Misericordie d'Italia e governatore della Misericordia di Isola di Capo Rizzuto, in provincia di Crotone, dove sorge il Sant'Anna, il pi grande centro di accoglienza d'Europa gestito dalle Misericordie, che conta 1.458 posti e al momento al massimo della capienza. '

'Siamo in una situazione di piena emergenza - rimarca Sacco - maggiore di quella che si registr nel 2007 quando a Crotone dovemmo allestire una tendopoli per accogliere gli immigrati. Affrontiamo l'emergenza con l'ordinariet ma non so fino a quando si riuscir a reggere'', avverte.

''La prefettura di Crotone e le forze dell'ordine insieme a noi stanno facendo un lavoro straordinario - continua - ogni notte siamo sulle zone di sbarco per accogliere i migranti''. Il governatore della Misericordia di Isola di Capo Rizzuto segnala anche ''un fenomeno, sempre pi ricorrente: ci sono immigrati -spiega- che sbarcano su altre coste e poi vengono a Crotone sapendo che c' una commissione per il riconoscimento dello status di rifugiato politico che lavora molto celermente. I migranti simulano quindi uno sbarco sulle coste crotonesi e chiedono asilo. Non vengono trovate tracce di imbarcazioni o gommoni che li avrebbero dovuti trasportare. Anche questo - conclude - il segno di un fenomeno esteso, di cui deve farsi carico non solo l'Italia ma l'Europa''.


pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
tutte le notizie di Cronaca
commenta commenta 0    invia    stampa