Eternit, 18 anni all'ex manager Guariniello: "Sogno che si avvera"

ultimo aggiornamento: 03 giugno, ore 17:27
Torino - (Adnkronos) - Pena aumentata di due anni rispetto al primo grado per disastro ambientale doloso e omissione dolosa di cautela antinfortunistica. Disposte provvisonali per 20 milioni di euro alla Regione Piemonte e di oltre 30 milioni per il comune di Casale Monferrato. Associazione familiari e vittime dell'amianto: "Contenti che la pena sia stata aumentata". Il procuratore: "Si aprono grandi prospettive anche per le vicende di Taranto e per le altre citt che aspettano giustizia"


condividi questa notizia su Facebook

commenta commenta 0     vota vota 0    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Torino, 3 giu. (Adnkronos) - La Corte di Appello di Torino ha condannato il miliardario svizzero Stephan Schmidheiny, ex manager dell'Eternit a 18 anni di carcere per disastro ambientale doloso e omissione dolosa di cautela antinfortunistica. Schmidheiny oltre che per i disastri negli stabilimenti italiani di Casale Monferrato e Cavagnolo stato condannato anche per il disastro negli stabilimenti di Napoli Bagnoli e Rubiera (Reggio Emilia). I giudici hanno cos aumentato la pena di due anni rispetto al primo grado.

Disposte anche provvisonali per 20 milioni di euro alla Regione Piemonte e di oltre 30,9 milioni per il comune di Casale Monferrato.

Inoltre, Inail e Inps sono escluse dai risarcimenti. La corte di Appello di Torino non ha riconosciuto provvisionali ai due enti: in primo grado i giudici avevano assegnato all'Inail una provvisionale di 15 milioni di euro mentre non era stato riconosciuto alcun risarcimento all'Inps.

Imputati nel processo erano i due ex manager ma dopo la morte di De Cartier, per il quale sia l'accusa che la difesa hanno chiesto il non doversi procedere, sul banco degli imputati rimasto solo lo svizzero Schmidheiny, condannato in primo grado a 16 anni di reclusione, per il quale i pg Raffaele Guariniello, Gianfranco Colace, Sarah Panelli e Ennio Tomaselli, avevano chiesto una condanna a 20 anni di carcere.

"Questa sentenza ci dice che non mai azzardato sognare", il primo commento del procuratore Guariniello. "Questa sentenza un inno alla vita, un sogno che si avvera. Siamo andati al di l di ogni aspettativa". Secondo il magistrato stato importante "che sia stato accolto il nostro appello sul fatto che il disastro sia avvenuto anche a Napoli e Rubiera". Per Guariniello poi "con questa sentenza si aprono grandi prospettive anche per le vicende di Taranto e per le altre citt che aspettano giustizia. Non finita qui - ha assicurato il magistrato - e non finita nel mondo. Dobbiamo cercare di raccogliere questa sentenza e diffonderla nel mondo: qui in Italia noi siamo riusciti a fare un processo che nessuno riuscito mai a fare in alcuna parte del mondo. La posta in palio la tutela dell'uomo e della sua salute. Il disastro ambientale doloso riconosciuto dalla Corte non solo per i lavoratori ma riguarda tutta la popolazione".

"Sono molto stanca e non vedo l'ora che sia finita, ma sono contenta che la pena sia stata aumentata", cos Romana Blasotti, 84 anni, presidente dell'associazione familiari e vittime amianto di Casale Monferrato commenta la sentenza. Lei, che per le malattie provocate dalle polveri ha perso cinque familiari, in primo grado non aveva perso neanche un'udienza e durante il procedimento di appello che si chiuso oggi ha cercato di essere presente il pi possibile.

Commosso Pietro Condello, 67 anni, ex operaio dello stabilimento di Casale Monferrato che ha regalato una tuta dell'Eternit a Guariniello: "Ha fatto tanto per noi. Da quattro anni metto questa tuta. Tanti sono morti e toccher anche a me, ma almeno mi auguro ci sia una giustizia", ha detto commosso.

"Indignato" invece il legale di Schmidheiny, Astolfo Di Amato. "Siamo in presenza di una accusa che cambiata a inizio processo, poi cambiata in primo grado ed cambiata ancora in appello. Leggeremo le motivazioni per capire ma la prima reazione di grande sconcerto", ha concluso l'avvocato confermando il ricorso alla Cassazione.

Ad attenderere la sentenza per il disastro negli stabilimenti italiani della multinazionale dell'amianto, circa 700 persone in arrivo da tutta Europa: 400 solo da Casale Monferrato da cui sono partiti 7 bus, un altro centinaio dalla Francia a bordo di due pullman, una settantina dall'Emilia Romagna. Ci sono anche i minatori della Lorena e altre delegazioni europee.

Nella maxi Aula 1 del Palagiustizia, al primo banco a fianco del procuratore Raffaele Guariniello e del pool di magistrati che ha condotto l'inchiesta, anche il procuratore generale di Torino Marcello Maddalena e il procuratore capo Giancarlo Caselli .

Fuori dal Tribunale uno striscione appeso alle ringhiere, scritto in francese, parla chiaro: "Shmidheiny ti aspettiamo anche in Svizzera".


pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
TAG
Eternit
tutte le notizie di Cronaca
commenta commenta 0    invia    stampa